Chi è Enrico Melozzi (detto Melox), il direttore d'orchestra più rock di Sanremo? Dai Maneskin ad Achille Lauro ecco chi lo ha scelto

Sanremo è solo uno dei palchi dove ama tornare e esibirsi ma per Melox l'amore per la musica nasce a 8 anni e da allora il compositore abruzzese non si è mai fermato. Oggi ospite da Serena Bortone

Chi è Enrico Melozzi (detto Melox), il direttore d'orchestra più rock di Sanremo
4 Minuti di Lettura
Martedì 8 Febbraio 2022, 13:22

Tolti i fiori dall'Ariston l'attenzione è ancora centrata su Sanremo 2022. Il Festival che ha permesso ad Amadeus di confermarsi un grande presentatore e a Mahmood e Blanco di trionfare tra i 25 big in gara continua a tenere su di se i riflettori puntati. Protagonista la musica, a Sanremo non sono solo i cantanti a vincere. Anche l'orchestra ha il suo peso.

Enrico Melozzi (detto Melox), ecco chi è il direttore d'orchestra più rock di Sanremo

Da Serena Bortone a Oggi è un altro giorno arriva ospite Enrico Melozzi in arte Melox. Dopo il successo ottenuto lo scorso anno con i Maneskin con Zitti e Buoni Enrico "Melox" Melozzi può essere considerato il più rock dei direttori d'orchestra di Sanremo.

Sanremo, Vessicchio in forse per il Covid. La storia dei maestri del Festival: da Vince Tempera a De Amicis

Enrico "Melox" Melozzi, ecco chi è

Classe 1977, Enrico è nato a Teramo e fin da piccolo si appassiona alla musica. A otto anni i primi pezzi da compositore da pianista autodidatta. Sceglie poi di studiare diversi strumenti musicali, a partire dal piano e si concentra sul canto lirico. Poi il diploma in violoncello e una laurea in composizione che gli vale il titolo di Fellow al London College of Music.

Nel 1999 si forma come assistente di Michael Riessler, affiancandolo in numerosi progetti nel ruolo di copista, arrangiatore e produttore artistico. Nel 2002 torna in Italia e precisamente a Roma dove fa finalmente il suo debutto come direttore d’orchestra all’Auditorium Parco della Musica. Qui porta sul palco una sua opera, la storia in musica di Oliver Twist.

Sanremo, il teramano Enrico Melozzi dirigerà il rapper “maledetto” Junior Cally

La carriera

Inizia così la sua carriera da compositore. Enrico è versatile e preparato e spazia in quegli anni dalla scrittura di opere liriche e colonne sonore per teatro e cinema e in diversi ambiti musicali. Si avvicina poi alla musica elettronica formando il duo Lisma Project insieme al disc jockey Stefano De Angelis e fonda l’etichetta discografica Cinik Records.

Melox è ideatore e direttore con il violoncellista di fama internazionale Giovanni Sollima del progetto 100Cellos (un ensemble composto da una centinaia di violoncellisti), direttore dell'Orchestra Notturna Clandestina, ideatore del format innovativo «Rave di Musica Classica»; solo per citare i suoi principali progetti. Trionfa alla 71° edizione del Festival di Sanremo Melozzi detto Melox, definito da Morgan il nuovo Hector Berlioz, il famoso compositore francese dell'Ottocento.

Morgan su RaiRadio2 racconta Modugno con Arbore, Cristicchi, Ranieri, Capossela

I suoi Sanremo

Ma Sanremo è solo uno dei palchi dove ama tornare e esibirsi anche perchè è stato l'Ariston che gli ha permesso di arrivare al grande pubblico. Il musicista abruzzese ha partecipato per la prima volta al Festival nel 2012, accompagnando le esibizioni di Noemi con Sono solo parole, canzone scritta da Fabrizio Moro. Nel 2014 torna a Sanremo, sempre a supporto di Noemi, firmando inoltre l’arrangiamento del pezzo Ho scelto me di Rocco Hunt. Achille Lauro lo invita nuovamente in occasione del Festival di Sanremo 2019.

© RIPRODUZIONE RISERVATA