Yemen, raid contro ospedale Save the children: strage di bambini, 7 morti

Yemen, raid contro ospedale Save the children: strage di bambini, 7 morti
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 27 Marzo 2019, 17:17

Strage di bambini in Yemen, dove un ospedale in Yemen sostenuto da Save the Children è stato colpito da un attacco aereo che ha provocato 7 morti, tra cui 4 bambini. Lo denuncia la ong in un comunicato. Otto le persone ferite e due quelle disperse. Secondo quanto riferito dall'organizzazione umanitaria, alle 9.30 di stamane ora locale (le 7.30 ora italiana) un missile ha colpito una stazione di benzina accanto all'entrata dell'ospedale Ritaf, a 100 chilometri dalla città di Saada, nel nord ovest del Paese.

Yemen, Oxfam: ogni giorno tre civili uccisi. Save The Children: ammazzati 6mila bambini

L'ospedale era aperto solo da mezz'ora e molti pazienti e il personale stavano ancora arrivando, in attesa di una mattinata intensa, fa sapere Save the Children. Sembra che il missile sia caduto a meno di 50 metri dall'edificio principale della struttura ospedaliera. L'attacco avviene nel giorno del quarto anniversario dell'inizio dell'escalation del conflitto in Yemen. «Siamo scioccati e atterriti da questo attacco oltraggioso. Bambini innocenti e operatori sanitari hanno perso la vita in quello che sembra essere stato un attacco indiscriminato a un ospedale in un'area densamente popolata.

Attacchi come questi sono una violazione delle leggi internazionali», ha dichiarato Helle Thorning-Schmidt, Ceo di Save the Children International, che ha visitato le strutture sanitarie dell'Organizzazione in Yemen lo scorso anno. Save the Children, che sostiene l'ospedale colpito e i costi del suo staff, chiede l'immediata sospensione delle vendite di armi alle parti in conflitto nello Yemen, dove i bambini continuano a essere uccisi e mutilati indiscriminatamente. L'Organizzazione chiede inoltre che vengano applicate tutte le pressioni diplomatiche a tutte le parti coinvolte nel conflitto per risolverlo attraverso consultazioni e negoziazioni, e per coloro che commettono violazioni del diritto internazionale. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA