Stacca due volte il respiratore al compagno di stanza in ospedale: «Mi dava fastidio»

Dopo il primo spegnimento, il personale dell'ospedale le ha fatto notare che l'apporto di ossigeno era vitale per il suo vicino. Ma lei l'ha staccato di nuovo

Stacca due volte il respiratore al compagno di stanza in ospedale: «Mi dava fastidio»
3 Minuti di Lettura
Venerdì 2 Dicembre 2022, 17:32 - Ultimo aggiornamento: 22:52

La mancanza di pazienza può portare ad azioni incomprensibili. Come la donna di 72 anni che ha staccato il respiratore al compagno di stanza in ospedale perché le dava fastidio. È accaduto a Mannheim, città della Germania sud-occidentale affacciata sui fiumi Reno e Neckar.

Malore mentre gioca a tennis, Benedetta morta a 18 anni: donati gli organi, domani l'addio

Stacca il respiratore al compagno di stanza in ospedale, le motivazioni

Non una, ma due volte. La 72enne ha spento il dispositivo per l'ossigeno del suo compagno di stanza in più occasioni. Il vicino di letto, un uomo di 79 anni, dipendeva dall'apparecchio meccanico che gli forniva quanto necessario per sopravvivere. Ma l'anziana, martedì sera, ha disattivo il respiratore perché il rumore la disturbava. La notizia, diffusa dal quotidiano tedesco Spiegel, è stata riportata da polizia e i pubblici ministeri locali.

Il medico le diagnostica un'indigestione ma era incinta, 31enne partorisce 1 ora dopo: «Mia figlia ha rischiato la vita, salvata da una trasmissione tv»

Come sta la vittima

La vittima è stata subito rianimata. Dopo il primo spegnimento, il personale dell'ospedale ha fatto notare alla 72enne che l'apporto di ossigeno era vitale per il suo vicino. Tuttavia, un po' più tardi ha premuto di nuovo l'interruttore. E il 79enne ha dovuto essere rianimato di nuovo. Sebbene ora sia fuori pericolo, è ancora in terapia intensiva

Influenza, allarme medici: «Boom contagi, bimbi a rischio. Sì alle mascherine». Lombardia, vaccini gratis. I consigli per i genitori

Le indagini

La 72enne ora è accusata di tentato omicidio colposo. Mercoledì è stata portata davanti al magistrato che ha emesso il mandato d'arresto. Poi sarebbe stata sposta in una struttura specifica, in modo da evitare che possa ripere l'azione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA