Romania, con l'auto contro l'ambasciata russa a Bucarest. Suicida l'avvocato Bogdan Draghici. «Sono anche io ucraino»

Romania, attentato suicida contro l'ambasciata russa a Bucarest: con l'auto contro il cancello, poi il rogo Video
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 6 Aprile 2022, 08:03 - Ultimo aggiornamento: 12:22

Attentato suicida contro l'ambasciata russa a Bucarest: un uomo si è scagliato con l'auto contro il cancello dell'edificio. La vettura si è poi incendiata. Secondo fonti locali l'uomo avrebbe urlato alcune frasi contro le guardie schierate davanti all'edificio da dove propro ieri il governo romeno ha espulso dieci diplomatici. 

La Romania ha dichiarato ieri dieci funzionari dell'ambasciata russa a Bucarest "persona non grata". Lo riferisce Ukrinform citando l'agenzia romena Agerpress. L'ambasciatore russo Valery Kuzmin è stato convocato al ministero degli Esteri romeno dove gli è stata notificata la decisione.

 

Fra le ipotesi sull'origine dell'uomo alla guida c'è chi avanza quella che si tratti di un profugo ucraino.

La polizia romena ha identificato il cadavere dell'uomo. Si tratta dell'avvocato Bogdan Draghici, che nel suo ultimo post su Facebook prima dell'insano gesto, aveva condannato l'invasione della Russia e scritto: «Sono anche io ucraino». Secondo i media locali, Draghici ieri era stato condannato a 15 anni per aver abusato di sua figlia e, dunque, il suo sarebbe stato un suicidio coperto e accompagnato da motivi politici. Draghici era salito alla ribalta negli anni scorsi anche per le battaglie dei diritti dei padri portate avanti con l'associazione T.A.T.A della quale era presidente.

© RIPRODUZIONE RISERVATA