Papà ruba i soldi per le cure del suo bambino malato e li spende in prostitute, alcol e droga

Sabato 3 Agosto 2019 di Alix Amer
1
Papà ruba i soldi per le cure del suo bambino malato e li spende in prostitute, alcol e droghe

Un padre senza scrupoli e senza cuore ha rubato migliaia di sterline dal conto bancario del suo bambino gravemente malato «per sperperarli in prostitute, alcol e droghe», afferma la polizia in Brasile. Il disoccupato Mateus Alves, 37 anni, è accusato di aver saccheggiato i soldi raccolti da familiari e amici per acquistare costose medicine che prolungherebbero la vita al piccolo João Miguel, 19 mesi. Il bambino ha una rara malattia neuromuscolare degenerativa, e i fondi sono stati stanziati per acquistare tre dosi di Spinraza (noto anche come Nusinersen), il primo farmaco approvato per il trattamento di questo disturbo. 
 

 

Ogni dose è costosissima e il bambino ha bisogno di sei cicli di iniezione, somministrati vicino al midollo spinale. Il farmaco non è disponibile dal servizio sanitario nazionale. E così Mateus, papà di due figli, è stato infine arrestato in un hotel a cinque stelle sulla spiaggia a Salvador, nel nord-est del Brasile, il 22 luglio scorso dove si era nascosto per più di un mese durante le sue folli spese.

Il capo della polizia, Daniel Gomes, ha dichiarato: «Al momento del suo arresto, Mateus ha affermato di aver speso soldi in donne, bevande e droghe. Ha anche detto di essere stato ricattato dagli spacciatori per il resto del denaro. Ma finora non abbiamo prove a sostegno di questa dichiarazione».
Gli investigatori hanno concluso la loro inchiesta sul caso e hanno rivelato che c’erano anche indicazioni che Alves stava pianificando di aprire un bordello in città con una donna d’affari. Presumibilmente stava tentando di reclutare donne per l’impresa illegale.

Il capo della polizia ha aggiunto: «Durante l’interrogatorio, ci ha detto di aver già investito 50.000 reais (£ 10.625) in un bordello a Salvador per diventare un comproprietario. Il suo ruolo sarebbe quello di portare le donne di Belo Horizonte (sud-est del Brasile) a lavorare a Salvador».

Quando gli agenti di polizia hanno fatto irruzione nella suite dell’attico dell’hotel, secondo quanto riferito, hanno trovato una collezione di beni costosi, tra cui orologi, gioielli, profumi e abiti firmati, insieme a farmaci e soldi in contanti. Gli investigatori hanno rilasciato alla stampa alcuni scatti e filmati fatti dall’accusato in cui si vantava del suo stile di vita sontuoso, sfoggiando un pacchetto di erba pura “pura forza” nella sua lussuosa camera d’albergo. Le ingenti somme raccolte per suo figlio durante un anno di campagne di crowdfunding includevano appelli online, aste, donazioni e una varietà di attività.

Alves e sua moglie Karine, che hanno anche un figlio di 10 anni, hanno depositato il denaro in quattro conti di risparmio. La donna ancora sotto choc per quanto accaduto ha detto che non avrebbe mai creduto che suo marito, che appariva sempre devoto e amorevole nei confronti del figlio malato, potesse essere in grado di mettere a rischio la vita del piccolo rubando i fondi e tradendo la fiducia di decine di sostenitori.
In una dichiarazione su Instagram ha dichiarato: «Come madre, la mia condotta è sempre stata guidata dalla buona fede e al solo scopo di cercare di salvare la vita di mio figlio João Miguel». Ha detto che Alves ha iniziato ad agire in modo sospetto a maggio dopo aver raccontato di aver bisogno di frequentare corsi di addestramento sulla sicurezza. Ora in tanti si sono stretti attorno al piccolo João Miguel e alla sua mamma.

Ultimo aggiornamento: 4 Agosto, 09:46 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Il percorso ad ostacoli dei turisti della Capitale

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma