Michael J. Fox, la malattia sta peggiorando: «Non potrò più recitare»

Venerdì 6 Novembre 2020
Michael J. Fox non potrà più recitare, il dramma: «Impatto devastante»

Michael J. Fox non è più in grado di recitare. È lo stesso attore 59enne ad annunciarlo ai media parlando delle conseguenze della malattia degenerativa che lo ha colpito ormai quasi trent'anni fa. L'indimenticabile protagonista di "Ritorno al futuro" è affetto dal Morbo di Parkinson, diagnosticato nel 1991. La malattia sta peggiorando facendogli venire meno la memoria a breve termine.

Carlo Conti malato di Covid, è ricoverato all'ospedale di Firenze: poi le rassicurazioni su Instagram

L'attore si è messo letteralmente a nudo in un'intervista al settimanale "People" rivelando i momenti in cui nella sua vita ha pensato di toccare il fondo da quando ha scoperto la malattia. Nel 2018 gli è stato diagnosticato un tumore non cancerogeno alla spina dorsale che gli procurava dolori insopportabili a tutto il corpo. «Rischiavo la paralisi - ha detto - se non mi fossi operato. Tuttavia l'intervento era molto rischioso perché il tumore comprimeva contro il midollo spinale quindi hanno dovuto fare molta attenzione nel rimuoverlo per non causare ulteriori danni».

 

 

 
 L'operazione fu un successo e l'attore iniziò un periodo di quattro mesi di riabilitazione per imparare anche a camminare di nuovo. Pensando che il peggio fosse passato e dopo una vacanza con la famiglia fece ritorno da solo nel suo appartamento di New York per filmare un cameo in un film di Spike Lee. Invece la mattina delle riprese Fox cadde in cucina e si ruppe un braccio. «Quello fu definitivamente il mio momento più buio - racconta -. Persi la testa. Mentre aspettavo l'ambulanza mi chiesi, 'Può andare più in basso di così per me?'. Cominciai a dubitare di tutto, non riuscivo più a mettere un sorriso sulla mia faccia a vedere un lato positivo, provavo solo dolore e rammarico». 

 

Poi invece l'ottimismo ritornò guardando le repliche di trasmissioni televisive famose soprattutto degli anni '70. Nel tempo ha cercato di continuare a lavorare, ma tra un po' potrebbe non essere più in grado di recitare. L'attore ha rivelato che il Parkinson gli sta dando problemi con la memoria a breve termine e memorizzare le cose, come ad esempio un copione: «Oltre ai sintomi più evidenti come tremori e rigidità, la malattia ha avuto per me un impatto devastante sulla memorizzazione, abilità cruciale per recitare...».

Ultimo aggiornamento: 20:57 © RIPRODUZIONE RISERVATA