Israele, Netanyahu chiede l'immunità parlamentare: è incriminato per corruzione, frode e abuso d'ufficio

Israele, Netanyahu chiede l'immunità parlamentare: è incriminato per corruzione, frode e abuso d'ufficio
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 1 Gennaio 2020, 20:32 - Ultimo aggiornamento: 2 Gennaio, 09:07

IsraeleBenyamin Netanyahu chiede l'immunità parlamentare dopo l'incriminazione in tre casi, di corruzione, frode e abuso di ufficio. Ma l'immunità parlamentare nonè automatica: deve essere approvata da una commissione e dall'aula plenaria. La decisione del premier Benyamin Netanyahu di invocare la immunità parlamentare comporta, infatti, un elemento di incertezza. In Israele, dal 2005, la immunità non è più automatica, ma deve essere approvata dalla Knesset: prima in una apposita commissione parlamentare e poi nell'aula plenaria.

Netanyahu incriminato, Israele nel caos. Lui: è un tentato golpe

«Promuove il boicottaggio di Israele»: espulso il direttore di Human Right Watch
 




Dal 2005 ad oggi, ha precisato la televisione commerciale Canale 12, si sono avute 15 incriminazioni di parlamentari. Solo in tre casi, finora, è stata invocata la immunità. È stata negata a due parlamentari: Michael Gorolowsky (Likud) - era accusato di una infrazione parlamentare - e Said Nafa (Balad, nazionalista arabo), per un viaggio non autorizzato in Siria. Anche il ministro Haim Katz (Likud) ha chiesto la immunità, ma attende ancora che il suo caso sia sottoposto alla apposita commissione parlamentare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA