Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Putin, l'elite russa negozia la pace con l'Occidente alle spalle dello zar: «Piegati dalle sanzioni, la guerra deve finire»

I membri dell'elite russa cominciano a perdere fiducia nelle strategia dello zar

Mosca, gli alti funzionari russi e i colloqui segreti alle spalle di Putin con l'Occidente: obiettivo porre fine alla guerra
3 Minuti di Lettura
Lunedì 15 Agosto 2022, 17:05 - Ultimo aggiornamento: 17 Agosto, 11:19

L'élite russa comincia a non tollerare più le sanzioni imposte al Paese dopo lo scoppio delle guerra in ucraina. Al mometo sarebbe estremante larga la fetta non d'accordo con le strategie politiche dell zar. La stessa fetta di cui farebbero parte alti funzionari russi  che in questo momento starebbero cercando di negoziare la pace, secondo fonti di Mosca. Un documento che pare sia stato fatto circolare tra le agenzie di intelligence occidentali e, pubblicato per la prima volta in esclusiva dal The Mirror, diceva: «Un rappresentante della cerchia ristretta di Putin ha inviato un segnale all'Occidente circa la volontà di negoziare. L'umore dell'élite del Cremlino è quasi vicino al panico. «L'Ucraina crede che alti funzionari del Cremlino stiano tentando di contattare le agenzie di intelligence occidentali, alle spalle di Putin, ha detto a The Mirror una fonte diplomatica di Kiev»

Russia pronta a costruire base militare in Serbia, l'ambasciatore russo a Belgrado: «È nell'interesse di Mosca»

 

Sette mesi di guerra

 La guerra è giunta al suo settimo mese e le truppe russe sono ormai impantanate nel sud e nell'est dell'Ucraina. Nel frattempo crescono i timori per un disastro nella più grande centrale nucleare d'Europa, a Zaporizhzhia, dopo che le truppe russe sono state accusate di averla trasformata in una base militare. La scorsa settimana, le tensioni sono esplose quando i razzi sono atterrati a soli 10 metri dalla centrale nucleare.

Allo stesso tempo, le truppe russe stanno lottando per ottenere guadagni significativi nelle regioni ucraine orientali di Kherson e Luhansk, le due regioni che formano il Donbasss, regione obiettivo chiave di Mosca, dopo che il suo piano originale di conquistare rapidamente l'intera Ucraina è andato in pezzi in poche settimane. 

Rieti, gli appuntamenti di ferragosto (e del 16) in città e in tutto il Reatino

© RIPRODUZIONE RISERVATA