Dieta vegana per la figlia di 19 mesi, la bimba rischia la vita. I genitori: «È schizzinosa»

Dieta vegana per la figlia di 19 mesi: «Non è colpa nostra se è rachitica, è solo schizzinosa»
di Silvia Natella
2 Minuti di Lettura
Lunedì 24 Dicembre 2018, 13:43 - Ultimo aggiornamento: 25 Dicembre, 18:26

Ricorda la trama del film "Hungry Hearts" la storia di una bambina australiana di 19 mesi ridotta al rachitismo perché nutrita a base di pane tostato, avena, banane e latte di riso. I suoi genitori le avevano somministrato "una dieta vegana estrema" facendole rischiare la vita. La piccola, infatti, soffriva di una grave malnutrizione, come riscontrato dai medici che l'hanno visitata. E il caso è finito in tribunale.  

LEGGI ANCHE Si schianta in auto contro la chiesa: nel sedile trovate taniche di benzina

 La madre e il padre, rispettivamente di 32 e 34 anni, dovranno affrontare anni di carcere per aver portato la figlia a essere pericolosamente sottopeso. La piccola a un anno e mezzo pesava appena 4,9 kg. Secondo quanto riportato dalla stampa anglosassone, i genitori si sono in qualche modo giustificati sostenendo che la figlia "era schizzinosa" e rifiutava il tofu, le patate e il riso che le offrivano. 

Inammissibile per la coppia vegana dare alla bambina qualcosa lontano dal loro stile alimentare. Entrambi avevano iniziato la dieta nei primi mesi dell'anno, ma non avevano considerato che una bambina di quell'età non può sopportare gravi carenze di sostanze nutritive come il calcio, il fosfato, la vitamina B12, la vitamina A, il ferro e lo zinco.  E soprattutto la mancanza di vitamina D, che protegge le ossa, l'avrebbe portata al rachitismo. «Era come floscia, non riusciva neanche a gattonare», ha detto un medico. Le autorità hanno aperto una indagine e la coppia è stata portata in tribunale in attesa dell'udienza di condanna il 16 gennaio. I due hanno altri due figli, che sono sani. Tutti e tre i bambini sono stati dati in affidamento. 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA