Daniele Nardi, chi era l'alpinista morto sul Nanga Parabat

Sabato 9 Marzo 2019
Daniele Nardi

Il mondo dell'alpinismo piange la scomparsa di Daniele Nardi, la conferma del riconoscimento da parte di Alex Txikon e dei soccorritori dei corpi dello scalatore italiano e di Tom Ballard a circa 5900 metri sul Nanga Parbat, nel nord del Pakistan, spegne l'ultima fiammella di speranza. Nato a Sezze, nel basso Lazio, il 24 giugno 1976, Nardi è il primo alpinista nella storia nato al di sotto del Po ad aver scalato l'Everest ed il K2, le due vette più alte al mondo.

LEGGI ANCHE Nardi e Ballard sono morti, concluse le ricerche degli alpinisti dispersi sul Nanga Parabat

Dal 2002, anno in cui ha toccato per la prima volta la quota degli 8.000 sul Cho Oyu (sesta montagna più alta del mondo posta tra la Cina ed il Nepal), non si era più fermato. Nardi ha scalato anche il Broad Peak (8.047 metri), il Nanga Parbat (8.125 metri), la Middle dello Shisha Pangma (8027 metri) e il monte Aconcagua (la montagna più alta del Sud America). Dopo aver superato per cinque volte gli 8.000 metri Daniele si è dedicato a progetti unici dal punto di vista tecnico. Nel 2011 ha realizzato, in collaborazione con il Comitato EvK2 del CNR, la spedizione Share Everest 2011.

Obiettivo del progetto: posizionare la stazione di monitoraggio più alta del mondo, che invia dati in tempo reale sul clima alla Comunità Scientifica Internazionale. L'operazione ha raggiunto il suo obiettivo segnando un risultato storico e tutto italiano. Tra i riconoscimenti di Nardi da ricordare nel 2011 il premio del Cai, il Club Alpino Italiano centrale, e dal Caai (Club Alpino Accademico Italiano) per la scalata del Bhagirathi in India. Un premio riconosciuto internazionalmente e conquistato da Daniele grazie all'impresa tentata con Roberto Delle Monache in puro stile alpino su una nuova via di misto ghiaccio con punte di difficoltà altissime.

A livello internazionale l'alpinista italiano ha avuto l'accreditamento al 'Piolet D'or', gli Oscar internazionali della montagna. Una testimonianza che è il risultato di due progetti esplorativi, uno in Pakistan (apertura della Telegraph Road) ed uno in Italia (una nuova via sul Monte Rosa). Questi apprezzamenti di livello internazionale hanno permesso a Daniele Nardi di entrare nell'olimpo dell'alpinismo mondiale. Nel 2013 è arrivato il Premio Coni Lazio per «aver portato il Lazio in vetta al mondo».

Un riconoscimento, questo, ricevuto dagli atleti che hanno dimostrato un alto merito sportivo. Ambasciatore per i Diritti Umani nel mondo, Nardi ha sostienuto progetti di solidarietà in Nepal e Pakistan. In ogni spedizione ha sempre portato con sé l'Alta Bandiera dei Diritti Umani firmata da oltre 20.000 studenti incontrati nelle scuole del Lazio. Impegnato nel sociale, Nardi, assieme all'Associazione Arte e Cultura per i Diritti Umani Onlus, ha promosso la campagna mondiale 'Gioventù per i Diritti Umanì con lo scopo di far conoscere ai giovani di tutto il mondo i 30 articoli della Dichiarazione Universale dei diritti umani in modo che diventino dei validi sostenitori della tolleranza e della pace.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

La doppia vita dei prof? Basta andare sui social

di Raffaella Troili

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma