Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Covid, i guariti hanno anticorpi per 16 mesi (ma durata più breve per gli asintomatici)

Covid, i guariti hanno anticorpi per 16 mesi (ma durata più breve per gli asintomatici)
di Michela Allegri
3 Minuti di Lettura
Lunedì 7 Febbraio 2022, 18:07 - Ultimo aggiornamento: 8 Febbraio, 21:16

Anticorpi contro il Covid che durano per 16 mesi e che vengono sviluppati durante la lotta alla malattia. Da uno studio della Southern University of Science and Technology di Shenzhen, pubblicato su Nature Microbiology, emerge che la maggior parte delle persone che si sono ammalate di Covid-19, soprattutto quelle che hanno sviluppato l’infezione in forma grave, possiede anticorpi neutralizzanti efficaci più di un anno. Si tratta di una scoperta importante: per la lotta al coronavirus è fondamentale comprendere quale sia la durata della protezione acquisita dopo il contagio.

Covid, l'Australia riapre i confini ai turisti dal 21 febbraio: serviranno almeno due dosi di vaccino

Mascherine all'aperto «via dall'11 febbraio in zona bianca»


«È stato dimostrato che i coronavirus umani stagionali inducono risposte anticorpali di breve durata e la reinfezione con lo stesso coronavirus stagionale si verifica frequentemente nei 12 mesi dopo l’infezione. Tuttavia, i due coronavirus che causano malattie gravi negli esseri umani (il SARS-CoV e il MERS-CoV) inducono risposte anticorpali più forti e che durano fino a 3 anni», spiegano i ricercatori. I dati, nel caso di SARS-CoV-2, non sono ancora definitivi. Gli studiosi hanno analizzato i dati di 214 pazienti contagiati, che sono stati seguiti per quasi 16 mesi. Tra questi, 51 avevano sviluppato una malattia grave, mentre 134 avevano una lieve infezione e altri 29 erano completante asintomatici, pur essendo positivi al Covid. Studiando l’andamento degli anticorpi neutralizzanti, soprattutto di quelli IgG diretti contro la porzione RBD della proteina Spike, i ricercatori hanno scoperto che la risposta immunitaria raggiunge un picco dopo circa tre mesi dall’infezione. Poi, l’efficacia della protezione inizia progressivamente a calare. La fase successiva è una stabilizzazione a un livello di anticorpi, considerata comunque protettiva.

 

Dallo studio è emerso un dato importante: i livelli di protezione si sono mantenuti abbastanza stabili fino all’ultimo test, eseguito sui volontari a 480 giorni di distanza dal contagio. L’efficacia della risposta immunitaria, però, non è uguale per tutti. I ricercatori hanno scoperto che, a un anno dalla malattia, il 14% delle persone che avevano avuto sintomi lievi e il 50% di quelle che avevano avuto un’infezione asintomatica, non presentavano livelli rilevabili di anticorpi neutralizzanti. Lo studio ha mostrato inoltre un calo dell’efficacia degli anticorpi contro le varianti Beta, Delta e Mu. Mentre non ha fornito dati sulla variante Omicron.

© RIPRODUZIONE RISERVATA