CORONAVIRUS

Coronavirus, lettera dei tre capi religiosi del Santo Sepolcro a Netanyahu: «Permetta i riti di Pasqua senza fedeli»

Martedì 31 Marzo 2020
Con l'approssimarsi dei riti della Santa  Pasqua , Avichai Mandelblit, il Custode di Terra Santa Francesco Patton, il Patriarca ortodosso Teofilo III e quello armeno Nourhan Manougian hanno deciso di scrivere al premier israeliano Benyamin Netanyahu una lettera affiché Israele assicuri «i diritti fondamentali e gli obblighi delle nostre comunità di celebrare nel S.Sepolcro cerimonie e liturgie cristiane, incluso il diritto ad un libero accesso alla Basilica per i capi di queste comunità».
Secondo i tre capi delle Chiese cristiane del luogo anche se comprendono che tali misure siano ovvie per l'emergenza coronavirus si domandano perché  «il più sacro sito dei cristiani resta chiuso non solo per i fedeli ma anche per i capi delle Chiese che vi vivono dentro». Nella lettera inviata anche al presidente Reuven Rivlin e all'Avvocato generale del governo hanno sottolineato che mentre intendono «adempiere a tutte le direttive sanitarie ed igieniche che contemplano la chiusura delle celebrazioni al pubblico così come le regole di distanziamento sociale» al tempo stesso non possono accettare «in coscienza che le nostre comunità siano impedite dal celebrare all'interno della Basilica, ognuno in accordo con quanto previsto dal proprio calendario liturgico e dai rituali». «Questo andrebbe - hanno denunciato - contro il diritto della libertà di espressione religiosa, la radice di ogni libertà, così come inteso dalla nostra coscienza di fedeli». I tre religiosi hanno poi ricordato che tutte le questioni inerenti al Santo Sepolcro sono «regolate sulla base di un Accordo, riconosciuto localmente e internazionalmente tra le tre comunità, che garantisce rispetto per la natura unica di questo luogo e per la sua autonomia». «Da parte nostra - hanno proseguito - garantiamo che fino a quando le restrizioni non saranno ridotte, le celebrazioni saranno chiuse al pubblico, limitando il numero a 10 sacerdoti che entreranno nella Basilica e che presenzieranno alle celebrazioni nei vari posti designati (gli officianti e i ministri essenziali al servizio e alla sua eventuale trasmissione al resto del mondo)». 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani