AMAZON

Coronavirus non risparmia Amazon: dipendente contagiato a Seattle, dove lavorano in 50.000

Mercoledì 4 Marzo 2020
Il coronavirus non risparmia Amazon: dipendente contagiato a Seattle, dove lavorano in 50.000

Coronavirus, il contagio negli Stati Uniti interessa soprattutto la West Coast con nove casi ieri nello stato di Washington e una crescente sensazione di allarme. Ed ora scata letteralmente il panico nella sede di Amazon dove un dipendente è risultato positivo al test del coronavirus e messo in quarantena. Il dipendente è tornato a casa dopo essersi sentito male il 25 febbraio e da allora non è più tornato al lavoro; i colleghi con cui ha lavorato sono stati allertati dei rischi di trasmissione.

Coronavirus e PIL Italia, S&P's: peserà per circa 0,7 punti percentuali
Cina, terziario a picco con l'epidemia di Coronavirus
 


 

Amazon: «La salute del personale è la priorità

Amazon ha chiesto a chi ha sintomi di rimanere a casa e consultare un medico, sottolineando che la salute del personale è una priorità. Amazon impiega oltre 50.000 persone a Seattle, dove si trova il suo quartier generale, con diversi edifici in città. La società ha dichiarato che il servizio interessato sarà completamente disinfettato. Lo stato di Washington, dove si trova Seattle, è stato il più colpito negli Usa, con 27 casi e nove morti. Oltre cento casi sono stati diagnosticati nel resto degli Stati Uniti.

Pizza al Coronavirus, non è solo gaffe: il segnale anti-italiano da arginare
Coronavirus, caso positivo a Vasto: ecco il quadro aggiornato in Abruzzo
Borse asiatiche in timido recupero dopo intervento a sorpresa Fed
Coronavirus, Governo lavora su doppio binario economico-sanitario

 

Ultimo aggiornamento: 09:48 © RIPRODUZIONE RISERVATA