Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

«Campi di concentramento e sterilizzazione per gli oppositori della lettera Z»: la minaccia choc sulla tv russa

Karen Shakhnazarov, regista e fervente sostenitore di Putin, ha chiesto «nessuna pietà» per i nemici della Russia

«Campi di concentramento e sterilizzazione per gli oppositori della lettera Z»: la minaccia choc sulla tv russa
3 Minuti di Lettura
Giovedì 5 Maggio 2022, 17:32 - Ultimo aggiornamento: 18:53

«Campi di concentramento, rieducazione e sterilizzazione per gli oppositori della lettera Z». È la "minaccia" lanciata sulla tv russa da Karen Shakhnazarov, regista e fervente sostenitore di Putin, che in un acceso dibattito sull'emittente statale Russia 1 ha chiesto «nessuna pietà» per i nemici della cosiddetta operazione speciale in Ucraina. Nel corso della sua trasmissione, Shakhnazarov ha detto: «Gli oppositori devono capire che se contano sulla misericordia, no, non ci sarà pietà per loro».

Generali russi uccisi in Ucraina, Nyt: «Gli Usa hanno aiutato Kiev». Ma la Casa Bianca nega: «No, è irresponsabile»

 

La minaccia choc sulla tv russa

Il regista filo-Putin è a capo dello studio cinematografico Mosfilm, sostenuto dallo Stato, e del canale televisivo statale Russia 1. Shakhnazarov ha affermato: «La situazione è diventata molto seria. E questo può significare solo campi di concentramento, rieducazione e sterilizzazione». Successivamente ha spiegato che questi suoi commenti sono stati estrapolati dal contesto, ma non ha chiarito quale fosse la reale intenzione dietro le sue parole.

Le parole di Putin contro gli oppositori

Il regista segue la linea dettata da Putin in un'intervista di alcune settimane fa. Il presidente russo, infatti, parlando degli oppositori disse: «Il popolo russo sarà sempre in grado di distinguere i veri patrioti dalla feccia e dai traditori e semplicemente li sputerà fuori come un moscerino che gli è volato accidentalmente in bocca. Li sputerà sul marciapiede». Lo zar, senza mezze misure, dichiarò: «Sono convinto che una tale naturale e necessaria auto-purificazione della società non farà che rafforzare il nostro Paese, la nostra solidarietà, coesione e disponibilità a rispondere a qualsiasi sfida».

© RIPRODUZIONE RISERVATA