Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Bombe a grappolo e termobariche «usate da Mosca», l'accusa degli Stati Uniti. Cosa sono e perché sono così letali

L'accusa dell'ambasciatrice Usa all'Onu Linda Thomas-Greenfield

Bombe a grappolo e termobariche «usate da Mosca», l'accusa degli Stati Uniti. Cosa sono e perché sono così letali
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 2 Marzo 2022, 17:32

La Russia sta utilizzando nel conflitto ucraino «armamenti eccezionalmente letali», comprese bombe a grappolo e termobariche. Se fino a ieri l'accusa dell'uso da parte di Putin di armi vietate dalla convenzione di Oslo viaggiava solo su canali non ufficiali, ora è diventata pubblica. A lanciarla è stata l'ambasciatrice Usa all'Onu Linda Thomas-Greenfield intervenendo al Palazzo di Vetro prima del voto sulla risoluzione contro Mosca per l'invasione.

Ucraina, la strage di civili. E la Russia nasconde le vittime tra i propri militari

Cosa sono le bombe a grappolo?

Le bombe a grappolo, o cluster bombs, sono vietate dagli accordi internazionali, non sottoscritti però dalla Russia e dall'Ucraina stessa, oltre che dagli Stati Uniti. Vengono sganciate dall'alto e sono munizioni, che ne contengono a loro volta delle altre - da qui la definizione "a grappolo" -, che colpiscono vaste aree con grande potenza distruttiva. Il rischio per i civili sono gli inneschi ritardati, che le rendono pericolose anche a distanza di ore. Molte sub-munizioni infatti planano accompagnate dai paracadute, che gli permettono di depositarsi senza innescarsi nell'immediato.

 

 

Le termobariche

A denunciare in prima battuta l'utilizzo di termobariche (o vacuum bombs) in Ucraina è stata la "Cnn", che ha fotografato alcuni Tos-1 russi, ossia il cosiddetto "Burattino" utilizzato per lanciarle. Ma come funzionano? Inizialmente esplodono rilasciando nell'aria una nuvola di carburante o materiale simile alla polvere. A quel punto la nuvola si accende, producendo una palla di fuoco e un'onda d'urto che si espande in tutte le direzioni. Possono distruggere gli edifici, provocare grandi incendi e bruciare gli organi interni delle persone. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA