CORONAVIRUS

Francia, durante la quarantena i casi di violenza in casa aumentati del 30%

Lunedì 30 Marzo 2020

Violenze in aumento nel periodo di quarantena. Secondo il ministero degli Interni francese i casi di violenza domestica in tutta la Francia sono aumentati di oltre il 30% da quando il paese è in lockdown a causa del diffondersi dell’epidemia di coronavirus, quindi dal 17 marzo. Il blocco è stato già esteso fino al 15 aprile. L’essere confinate in casa con il partner aumenta i rischi per coloro che subiscono violenza domestica.

Violenza sulle donne in casa, c'è l'app che avvisa la polizia

«No alla violenza in casa chiamate e vi aiuteremo», la campagna antiviolenza durante il coronavirus

La Francia, ricorda Euronews, ha già uno dei più alti tassi di violenza domestica tra i paesi di tutta Europa. Ogni anno, si stima che 219mila donne, dai 18 ai 75 anni, subiscano violenze fisiche o sessuali da parte di partner attuali o precedenti: solo il 20% lo riferisce. Secondo i dati ufficiali, una donna viene uccisa da un partner o ex partner ogni tre giorni.

Ultimo aggiornamento: 17:59 © RIPRODUZIONE RISERVATA