CORONAVIRUS

Violenza in casa, una emoticon su Facebook per lanciare l'allarme

Venerdì 27 Marzo 2020
Una emoticon sul proprio stato di Facebook per denunciare episodi di violenza domestica ai tempi del coronavirus: a lanciare l'iniziativa è l'avvocato Carmen Posillipo, del foro di Santa Maria Capua Vetere (Caserta), la quale, dopo il caso di una sua cliente picchiata in casa dal marito violento, si è messa al telefono per avere informazioni da tutte le sue assistite in causa per ottenere la separazione dai consorti accusati di maltrattamenti. «Potremmo inventarci un codice morse per i social e per whatsapp - scrive - e magari coloro che sono vittime di violenza di genere in questo momento, e non possono denunciare, possono trasmettere dei segnali», così, «potremmo denunciare noi per loro». Carmen Posillipo, che presiede l'associazione «SOS Diritti», invita tutti a diffondere l'iniziativa: «ho inviato messaggi alle mie assistite e anche a qualche assistito più debole, chiedendo come stessero. Proviamo a farlo tutti, magari inneschiamo una catena di solidarietà che potrà proteggere queste donne».

Differenza Donna: «Nei centri antiviolenza gli accessi diminuiti dell'85%»

Le voci delle donne dai centri antiviolenza: «Fortuna non essere a casa ai tempi del "maritovirus"»

Al via la campagna "Libera puoi": attori a cantanti in aiuto delle donne vittime di violenza
© RIPRODUZIONE RISERVATA