Arabia Saudita, porte aperte alle donne nell'esercito. Ma la carriera no: si arriva solo a sottoufficiale

Domenica 6 Ottobre 2019

Chissà se alla fine  potranno togliersi il velo. E se  potranno mai entrare in azione davvero e sparare anche se di certo, non potranno farlo fianco a fianco dei loro compagni come avviene quasi in ogni parte del mondo. Ma intanto un altro piccolo passo verso la modernità l'Arabia Saudita prova a farlo. In questo momento d'oro, fatto di annunci di aperture, soprattutto nel settore del turismo, ecco che il superare il gender gap in un settore tradizionalmente maschile può essere una bella medaglietta da mettersi anche nello scacchiere internazionale diplomatico. Così, per la prima volta nella storia del regno, porte aperte alle donne anche nell'esercito.
Arabia Saudita, turiste sole in albergo
In viaggio da sole
La notizia, data dal quotidiano Asharq Al-Awsat, segna un ulteriore passo avanti del Paese sul cammino del cosiddetto programma di riforme Vision 2030 lanciato dal controverso principe ereditario Mohammad bin Salman con il duplice scopo di rendersi indipendente dal petrolio e attrarre investimenti esteri. Le saudite potevano, da febbraio, già candidarsi per ruoli amministrativi in campo militare, potevano operare in aree come la lotta al narcotraffico, la vigilanza dei detenuti e le indagini criminali. Ora , con il decreto del ministero per l’ammissione e il reclutamento nelle forze armate (Tajnid), potranno essere prese in considerazione anche per posizioni militari che vanno dal soldato semplice al sottoufficiale nelle forze di terra, aria e mare  Insomma potranno far carriera ma non raggiungere la cima. Il soffitto di cristallo resterà, niente generalesse, al massimo si arriva al grado di sergente.  

«L'ammissione delle donne nel ministero più importante del regno è un grande passo nella direzione giusta», ha commentato al giornale Hassan al-Shihiri, un ex ufficiale del ministero della Difesa. Come è noto, l'anno scorso in Arabia Saudita è stato abolito il divieto per le donne al volante, mentre da agosto le 'over 21' possono viaggiare all'estero senza il permesso di un tutore maschio.  

© RIPRODUZIONE RISERVATA