Gaeta, da “Campioni” all'altare: Marco Pepe si sposa a Gaeta, testimone Diego Armando Maradona junior

Gli sposi con il testimone Diego Armando Maradona Junior
2 Minuti di Lettura
Martedì 4 Ottobre 2022, 19:20 - Ultimo aggiornamento: 5 Ottobre, 10:39

Un'amicizia che dura da tantissimi anni. Un legame speciale che si è consolidato nel mondo del calcio, dove i due hanno condiviso diverse esperienze insieme. Il giorno più importante della vita di Marco Pepe, 35enne di Agropoli, che da sette anni vive nel Lazio, dove arrivò nel dicembre 2015 a Gaeta dopo l'esperienza vissuta con l'Ebolitana. Ha voluto vicino a sè come testimone di nozze Diego Armando Maradona Junior, il figlio del "Pibe de oro": nel 2004-2005 vestirono la maglia dei romagnoli del Cervia, nel reality show di Mediaset "Campioni, il sogno" con allenatore Ciccio Graziani. Altrettanto cari gli altri testimoni, Luigi Cicino, anche con lui Marco ha giocato a calcio, e l'amica carissima della coppia Valentina Scinicariello.

Un'avventura trionfale chiusa con il primo posto e la promozione in Serie D. Un filo indissolubile tra i due compagni che va al di là del rettangolo verde. Ieri l'ex centrocampista campano con un passato in C1 e C2 (ha da poco lasciato per motivi lavorativi il Monte San Biagio, società del massimo torneo regionale) ha coronato il suo sogno d'amore sposando nella Basilica Cattedrale di Maria Ss. Assunta in Cielo e dei SS. Erasmo e Marciano la gaetana Natalie Romanelli.

Il fatidico sì nella chiesa che si trova in via Duomo nel cuore del quartiere medievale di Gaeta. I festeggiamenti - organizzati da Incanto Rosa Eventi della wedding planner Roberta Nardone - sono proseguiti, davanti ad un novantina di invitati, in una rinomata location nel territorio di Itri. Diego Armando Maradona Junior (nel 2018 giocò anche con il Formia Calcio del patron Falco), che era accompagnato dalla moglie Nunzia e dai due figli piccoli Diego Matias e India Nicole, attualmente guida il Napoli United, ex Afro Napoli, militante in Eccellenza campana, la prima squadra multietnica che promuove l'inclusione sociale attraverso lo sport.

© RIPRODUZIONE RISERVATA