Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Fondi piange la scomparsa di Lino Capolicchio: da alcuni anni viveva nella città di De Santis

Fondi piange la scomparsa di Lino Capolicchio: da alcuni anni viveva nella città di De Santis
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 4 Maggio 2022, 11:35

Nella notte a Fondi l’Associazione Giuseppe De Santis, a nome del figlio Tommaso e della compagna Francesca Golino, ha annunciato  la scomparsa di Lino Capolicchio, avvenuta nella serata di martedì 3 maggio a Roma. «Capolicchio era componente del nostro Comitato scientifico - spiagano dall'associazione De Santis - da cinquant’anni frequentava la città di Fondi, conosciuta e amata grazie a Giuseppe De Santis che lo aveva scelto come protagonista nel 1972 del film girato a Latina “Un apprezzato professionista di sicuro avvenire” e che ebbe con lui un rapporto paterno».
 

Giuseppe De Santis e Lino Capolicchio

Capolicchio da alcuni anni aveva scelto di abitare con la compagna proprio a Fondi. Il sindaco Beniamino Maschietto, l’amministrazione comunale, il presidente Giulio Mastrobattista e tutti i membri dell'assise civica si sono uniti «al dolore della compagna Francesca Golino, del figlio Tommaso, dell’intera famiglia e dei suoi cari per la perdita di Lino Capolicchio».

«L’attore, sceneggiatore e regista, nell’arco di oltre mezzo secolo di carriera, ha scritto una preziosa pagina della storia non solo della cinematografia italiana ma anche della città - commenta il sindaco - avendo a lungo vissuto a Fondi e avendo contribuito, in quanto membro del comitato scientifico dell’Associazione Giuseppe De Santis, ad esportare nel mondo tutto ciò che lega questa terra al grande schermo».

© RIPRODUZIONE RISERVATA