Cyberbullismo, ad Aprilia la scuola fa "rete": confronto con esperti e famiglie

Sabato 25 Gennaio 2020
E' in programma venerdì 31 gennaio un incontro pubblico per le famiglie di tutti gli alunni delle scuole di Aprilia e per gli operatori del settore sul tema "Insieme contro il cyberbullismo".

L’appuntamento è alle  15,30, presso l’auditorium dell’istituto "Rosselli" di Aprilia, organizzato dalla rete di scuola di Aprilia contro il Cyberbullismo all’interno delle iniziative dedicate alla giornata mondiale per la sicurezza sul web “Safer Internet Day: Together for a better internet!”, indetta dalla Commissione europea.

La rete di scuole, voluta  dai referenti per le attività di prevenzione e contrasto alle attività di bullismo e cyberbullismo degli istituti scolastici di Aprilia, ha organizzato con il Centro territoriale di supporto di Latina e il Comune di Aprilia, un evento rivolto a tutti i genitori dei loro alunni e agli operatori del settore in merito alla nuova legge sul cyberbullismo  e alla sicurezza dei minori sulla rete.

Quest’anno, per la terza edizione, l’evento, coordinato dalla professoressa Marilena Ferraro e dall’insegnante Benedetta Iacobellis, prevede i seguenti interventi oltre ai saluti istituzionali: Annalisa Ronchi, Mental coach esperta in family e teen coaching;  Gianfranco Pinos, mediatore penale, già ispettore capo della Polizia Postale; Tiziano Di Sciullo, assistente capo delle Polizia di Stato questura di Latina;  Monica Sansoni, responsabile sportello istituzionale ascolto minori e famiglie, criminalista forense, garante per l’infanzia e l’adolescenza per la Provincia di Latina; Erika Vitali, psicologa, psicoterapeuta cognitivo comportamentale, Centro di terapia metacognitiva interpersonale di Latina,  Dania Zattoni, avvocato ordine forense di Velletri e docente presso l’università popolare Tommaso Moro.

In conclusione alcuni studenti leggeranno dei brani tratti dal libro “Il rifugio di Morgana” della docente Pina Farina.

«Una nuova alleanza tra scuola e famiglia è il tema scelto in Italia per l’edizione del 2020, ed è finalizzato a far riflettere tutti non solo sull’uso consapevole della Rete - spiega la Ferraro - ma sul ruolo attivo e responsabile di ciascuno nella realizzazione di internet come luogo positivo e sicuro. Il tema della sicurezza online è di assoluta attualità, entra ormai a far parte della cronaca quotidiana. Ma non tutti siamo esperti e non sempre sappiamo come individuare situazioni rischiose e come comportarci».  © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Con la febbre in aeroporto non si finisce in quarantena

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma