Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Coronavirus, Cna e Federmoda: progetto per riconvertire aziende e produrre mascherine

Coronavirus, Cna e Federmoda: progetto per riconvertire aziende e produrre mascherine
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 8 Aprile 2020, 08:26

Riconvertire le aziende manifatturiere per produrre mascherine e altri dispositivi di protezione individuale. E' il progetto della Cna - Confederazione nazionale dell'artigianato - e della Federmoda che si avvia anche in provincia di Latina. «E' un invito alle aziende del settore manifatturiero del territorio a valutare l'opportunità di riconvertirsi per produrre dispositivi di protezione individuale - afferma il direttore, Antonello Testa - Segnali di luce nel bel mezzo della crisi  arrivano già dal settore manifatturiero del territorio, con un gruppo di aziende che ha deciso di collaborare  e  riconvertirsi per guadagnare nuove fette di mercato».

Dopo la Startup "Terra Mia" di Lisa Tibaldi di Santi Cosma e Damiano anche la Gemir Confenzioni di Priverno  ha aderito al progetto di filiera messo in campo da Feder Moda per la produzione di materiale sanitario, come i dispositivi medici, o materiale ad uso della collettività.

«Il progetto nella nostra Provincia è curato proprio da Lisa Tibaldi - continua Testa - c'è stata la costituzione di una cabina di regia nazionale che è a disposizione delle imprese interessate per tutte le informazioni necessarie a valutare la riconversione dell'azienda o di un ramo produttivo della stessa oltre a favorire accordi di filiera e collaborazione».

Tra i dispositivi realizzabili, e che incontrano una forte domanda sul mercato, ci sono quelli sottoposti all'autorizzazione del'Istituto Superiore della Sanità per il materiale chirurgico o dell'Inail e ci sono anche quelli ad uso comune per la protezione individuale che non necessitano di particolari certificazioni.  

© RIPRODUZIONE RISERVATA