Allevatore e i suoi due cani assaliti dai lupi: dilaniato vitello della mandria

Allevatore e i suoi due cani assaliti dai lupi: dilaniato vitello della mandria
di Andrea Gionti
2 Minuti di Lettura
Sabato 6 Ottobre 2018, 16:16

Ha vissuto momenti drammatici un maturo allevatore di Itri, assalito, insieme ai suoi due cani, da un branco di lupi che pochi minuti prima avevano sgozzato un vitello di sua proprietà. E' accaduto in mattinata, alle 8, nella zona di Piana dei Pozzi, un pianoro a circa 900 metri di altitudine sul rilievo di monte Campello, la dorsale che separa Itri da Campodimele ed Esperia. L'allevatore itrano, F.S., 62 anni, titolare di una nota azienda di allevamento di bovini, aveva appena raggiunto il pianoro dove pascolano i suoi capi di bestiame quando ha avvertito, poco lontano, i lamenti disperati di un vitello.




Sceso dalla sua auto, una Fiat Panda, insieme con i due cani pastori belga, si è subito diretto verso il luogo da dove provenivano gli strazianti belati e si è trovato, improvvisamente, di fronte a quattro lupi che avevano appena azzannato il vitello intento al pascolo. I lupi si sono lanciati contro i due cani e lo stesso allevatore, che coraggiosamente, non avendo con sé alcun attrezzo per potersi difendere, ha dapprima urlato per tentare di allontanare i lupi sporchi del sangue del vitello, e poi si è tolto il giubbotto roteandolo vorticosamente per evitare l'assalto dei famelici predatori. La coraggiosa reazione dell'allevatore e dei suoi due cani ha fortunatamente indotto i quattro lupi a desistere dalla minacciosa aggressione e ad allontanarsi per poi scomparire nei boschi. L'allevatore ha quindi raggiunto il punto da dove arrivavano i lamenti del suo vitello, che, ormai agonizzante, è spirato poco dopo per le gravi ferite. Il nuovo episodio ha suscitato profonda preoccupazione e indignazione nella zona di Campello, frequentata, oltre che per il pascolo libero di bestiame, anche da cercatori di funghi. L'allevatore itrano ha sporto denuncia ai carabinieri e ai guadiaparco.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA