Al Panettone Day in gara anche la pasticcera del Circeo

Al Panettone Day in gara anche la pasticcera del Circeo
di Ebe Pierini
2 Minuti di Lettura
Martedì 13 Settembre 2022, 11:35

Occorre sfatare il mito che il panettone sia un'esclusiva del Natale. È ormai sdoganata l'usanza di assaporare il tipico dolce delle feste anche in altri periodi dell'anno. E proprio per premiare i migliori panettoni artigianali e promuovere l'eccellenza della pasticceria italiana è nato il concorso Panettone Day.

Per il secondo anno consecutivo tra i finalisti c'è anche una pasticcera di San Felice Circeo che difende quindi i colori pontini a livello nazionale. Lorenza Rizzi, de Il giardino del pane, oggi a Milano, parteciperà al concorso che premierà il miglior panettone tradizionale tra 23 concorrenti. A ottobre inoltre i finalisti avranno l'opportunità di esporre i propri panettoni nel Temporary Shop, un vero e proprio moderno concept store firmato Panettone Day che sarà aperto in corso Garibaldi in una location esclusiva nel cuore di Milano, dove gli stessi saranno disponibili per la vendita.

La giuria sarà composta da Carlo Cracco; Marco Pedron, head pastry chef del ristorante Cracco; Vittorio Santoro ed Alessio Rannisi, vincitore del Panettone Day 2021. Presidente di giuria il maestro Gino Fabbri. Per Lorenza Rizzi una seconda opportunità dopo la prima finale disputata lo scorso anno. Da qualche anno la pasticcera pontina ha lanciato la moda del panettone estivo al Circeo. Una passione la sua quella riservata a questo dolce tipicamente invernale e legato alle festività natalizie che l'ha portata a reinterpretare questa prelibatezza tutta italiana per adeguarla alla stagione calda.

Ai suoi clienti e ai palati più curiosi infatti propone il panettone alle fragoline di bosco e cioccolato bianco al limone di Sicilia, alla pesca, all'albicocca Pellecchiella del Vesuvio e quello esotico con note di mango, ananas e cocco. A Milano però presenterà un panettone tradizionale usando prodotti di prima qualità e aggiungendoci un ingrediente importantissimo: un pizzico d'amore per il suo lavoro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA