Zona rossa, nel Lazio è corsa alle case-vacanza: da Fregene a Capalbio i prezzi raddoppiano

Zona rossa, nel Lazio è corsa alle case-vacanze: e i prezzi raddoppiano
di Marco Cusumano e Mirko Polisano
4 Minuti di Lettura
Venerdì 19 Marzo 2021, 22:40 - Ultimo aggiornamento: 20 Marzo, 18:32

Formentera, la Croazia e il Mar Rosso sono solo un ricordo, quest’anno la vacanza sarà “porta a porta”. Colpa (o merito, questa volta) della pandemia che non permette di fare programmi, né di rischiare quarantene e isolamenti in paesi esotici e lontani dal nostro. Così cambiano le ferie dei romani che, sulla scia dello scorso anno, puntano sulle località di prossimità: da Fregene a Sabaudia, da Ostia all’Argentario, fino al Circeo. Mare, spiagge - talvolta anche bianche - dune e, soprattutto, tanta voglia di ferie, a pochi passi dalla Capitale. E puntualmente i prezzi, nel giro di un anno, sono pressapoco raddoppiati. Via, dunque, alla fuga verso case vacanze anche senza aspettare agosto: smartworking e dad, in questo agevolano gli spostamenti. Così è già boom di prenotazioni verso le località di mare, con gli alberghi che, intanto, preparano la loro contromossa per resistere alla crisi, oltre già a quella in corso causa Covid

Zona rossa nel Lazio, forze dell'ordine pronte ai controlli: dove saranno i posti di blocco nel finesettimana

LA ROAD MAP
«Sarà il mare la leva per la ripartenza del comparto turistico, con flussi provenienti dal mercato domestico e viaggiatori di prossimità - sostiene Federico Salamone, Ceo di Ostia Holiday - Gli effetti economici della crisi, di molti lavoratori in cassa integrazione, stanno portando tutti coloro che non rinunceranno a viaggiare a scegliere soluzioni più economiche e confortevoli, come B&B e appartamenti in affitto short term. Il boom delle case vacanza, con prezzi più contenuti rispetto agli hotel, con la possibilità di soggiornare nel confort di un appartamento come stare a casa propria, con gli amici o in famiglia, o poter anche lavorare in holiday working a pochi passi dal mare». Prezzi che, comunque, hanno subito un’impennata pari al 50% - in media - rispetto allo scorso anno per una media casa di vacanza, composta da due stanze bagno e cucina. 

A Ostia dai 1500 a settimana del 2020 si è passati a quasi 3mila euro al mese. Affari d’oro anche a Fregene. «Le occasioni migliori, ville con piscina e ampio giardino sono già state tutte opzionate – spiega Igor Cavicchi, agente immobiliare – con ogni probabilità già entro Pasqua avremo registrato il tutto esaurito per l’estate». E, anche qui, costi in rialzo: un villino dai 2.500 euro al mese dello scorso anno arriva a sfiorare quota cinquemila. Prezzi da capogiro proseguendo ancora più a nord verso l’Argentario. «Puntiamo sulla qualità - fa sapere Fabrizio Pasquini, first manager di Engel&Voelkers - abbiamo ville con piscina e vista mare sull’Argentario e casali immersi nel verde della Maremma. Si può arrivare a spendere una media di 20-30 mila euro al mese». 

LE PROPOSTE
Se è boom per le case vacanze e B&B, gli alberghi preparano la controffensiva. «Stiamo modificando le nostre camere - spiega Antonella Di Genua, titolare dell’hotel “Maga Circe” a San Felice Circeo - per facilitare il lavoro con postazioni più adatte per lo smart working e le conference call. Oltre a un collegamento più veloce e stabile». C’è poi lo zoccolo duro della clientela romana, da sempre legata a Sabaudia. «Stiamo potenziando le norme di sicurezza - spiega Simone Ponziani, direttore dell’Oasi di Kufra - con percorsi obbligati per evitare assembramenti. Per fortuna i nostri spazi sono molto ampi e la copertura wifi consente anche di lavorare in tranquillità se necessario». Richiesta elevata di disponibilità anche per un altro hotel storico di Sabaudia, “Le Dune”. «La clientela più affezionata - spiega Claudio Pace - ha già confermato per luglio e agosto». Per quanto riguarda le abitazioni private, a Sabaudia c’è un boom di richieste senza precedenti. «Siamo a livelli altissimi - spiega l’agente immobiliare Roberto Maci - quasi tutte le case disponibili su Sabaudia e San Felice Circeo sono già affittate». Nel Sud Pontino, invece, c’è ancora disponibilità. Per l’affitto si parla di cifre comprese tra i 10 e i 20.000 euro al mese nella città delle dune, più o meno lo stesso richiesto per le ville sul promontorio del Circeo e a Punta Rossa. Ma ci sono anche casi eccezionali come una villa sulle dune di Sabaudia, del valore di 5 milioni di euro, affittata a 100mila euro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA