Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Valentina Di Mauro uccisa a coltellate dal compagno Marco Campanaro. Omicidio a Como: all'alba lite sentita dai vicini

La vittima è stata trovata morta nel suo appartamento con tagli alla schiena e al torace

Omicidio Cadorago, donna di 34 anni uccisa a coltellate: arrestato il compagno. All'alba una lite sentita dai vicini
4 Minuti di Lettura
Lunedì 25 Luglio 2022, 11:00 - Ultimo aggiornamento: 23:07

Hanno litigato questa mattina all'alba, lui l'ha aggredita con un coltello, l'ha inseguita fino in bagno, dove lei ha tentato di rifugiarsi, urlando e chiedendo disperatamente aiuto. E in bagno lui ha ucciso la sua compagna a coltellate: più colpi inferti, il numero servirà soltanto a stilare il capo di imputazione ma non cambia la sostanza. Poi, lui stesso, più tardi ha aperto la porta ai carabinieri che lo hanno fermato per omicidio volontario. Si chiamava Valentina di Mauro, era cresciuta a Varese, avrebbe compiuto fra pochi mesi 34 anni, nella vita faceva la baby sitter e la collaboratrice domestica l'ultima vittima di femminicidio di questa estate, troppo calda e troppo violenta. È stata uccisa dal compagno Marco Campanaro, 37 anni, magazziniere in Svizzera, questa mattina alle 4.45 in un appartamento al primo piano di una bella palazzina in via Leopardi a Cadorago, tra le colline della bassa provincia di Como.

Cristina Peroni uccisa a Rimini dal compagno con un mattarello: «Il bimbo sta bene, lei non potrà più parlargli male di me» 

La coppia viveva lì da un paio d'anni. In quella casa Campanaro è cresciuto, e lì aveva deciso di stare con la compagna, dopo che la morte di entrambi i genitori lo aveva lasciato solo in quel appartamento. Un colpo durissimo per lui. A differenza di altri casi simili, in cui si è parlato di tragedie annunciate perché epilogo di contrasti e screzi noti, evidenti, prolungati nel tempo e magari denunciati, nei rapporti tra Valentina e Marco pare non ci fossero state nubi. Da un pò lui aveva una paura «infondata che lei magari lo tradiva così è andato anche a chiedere aiuto al consultorio» ha raccontato il marito della sorella al TgR Lombardia. I vicini di casa e le persone sentite dai carabinieri hanno riferito di non averli mai sentiti litigare in questi due anni. O, se c'erano problemi fra di loro, erano sempre rimasti nascosti, non evidenti. Anzi, sui profili social c'erano le foto delle vacanze, dei viaggi, dei compleanni, tante foto con entrambi abbracciati e nessun segnale di problemi o di crisi.

 

Anche per questo, quando alle 4.45 di questa mattina i vicini del piano sopra hanno sentito le urla provenire dall'appartamento della coppia e le richieste di aiuto di Valentina, non hanno esitato a scendere in tutta fretta e a bussare alla porta, con veemenza. Nessuno ha aperto. I vicini, marito e moglie, hanno chiamato i carabinieri, ma quando è arrivata la pattuglia dei militari di Cantù tutto era ormai irrimediabilmente compiuto. Ad aprire l'uscio ai carabinieri è stato lo stesso Campanaro, in stato confusionale. Non c'è stato bisogno di dire nulla. Valentina era in bagno, a terra. Accanto, il coltello. Sono stati chiamati i soccorsi, ma la giovane donna era già morta. Almeno una dozzina di coltellate, almeno una alla gola inferte con un lungo coltello da cucina, qualcuna anche alla schiena. Sarebbe stato Marco ad accennare al movente, al sospetto di un tradimento e alla gelosia che ha fatto scattare il raptus. Il magistrato di turno Mariano Fadda lo ha posto in stato di fermo. Nell'appartamento di via Leopardi era rimasto soltanto il cagnolino della coppia: due incaricate lo hanno prelevato per portarlo in un canile della zona.

© RIPRODUZIONE RISERVATA