ULTIMA ORA

Foggia, Adriana si laurea dall'ospedale per assistere la sorella malata: «Lei mi ha dato la forza»

Giovedì 23 Luglio 2020
1
Foggia, Adriana si laurea dall'ospedale per assistere la sorella malata: «Lei mi ha dato la forza»

Le sessioni di laurea di questi mesi si sono svolte quasi tutte a distanza, ma quella di Adriana Ciafardoni, 23enne di Cerignola, studentessa all'Università degli Studi di Foggia, ha un significato speciale. La ragazza, infatti, si è laureata in videoconferenza dall'istituto neurologico Besta di Milano, per permettere alla sorella di 14 anni, ricoverata lì perché affetta da una malattia neurodegenerativa, di assistere alla sua proclamazione. La ragazza ha chiuso brillantemente il suo percorso di studi in Giurisprudenza con un 110 che le è valso la lode e il plauso accademico della commissione. Un traguardo che la 23enne potrà festeggiare insieme alla sorella Sara, che ha trasformato la sua passione per la lettura in un blog molto seguito sul web, "LaLettriceSognatrice".

LEGGI ANCHE Rieti, coronavirus, Chiara Transvalle e la seconda laurea presa per via telematica: «Meglio la prima ma sempre un'emozione»

«Alla fine le cose accadono sempre per un motivo», spiega Adriana a FoggiaToday. «Se la seduta di laurea fosse stata in presenza, mia sorella probabilmente non ci sarebbe potuta essere. Invece, alla fine, l’unica presente è stata lei. Quindi, non potevo chiedere di meglio». I genitori,  Alessandro e Isabella, rimasti a Cerignola per via di alcune cure a cui doveva sottoporsi anche la madre della 23enne, le hanno spedito la corona di alloro direttamente in ospedale, dove Adriana l'ha indossata orgogliosamente. Anche la tesi di laurea, in Istituzioni di diritto privato sul tema "Blockchain e Smart Contract", è rimasta a casa, ma l'unica cosa che contava per Adriana era che la sorellina fosse presente. 

LEGGI ANCHE Maria Chiara, 26 anni, cieca e disabile si laurea con 110 e lode. Ed è anche cantautrice

Tra le due, nonostante i 9 anni di differenza, c'è un rapporto speciale: «Lei è la piccolina di casa, ma adesso è cresciuta e la distanza anagrafica tra noi si è andata a parificare: con lei ho un dialogo molto ampio, sa tutto della mia vita», dice Adriana, che ora dice di voler tornare a studiare. «Le conoscenze acquisite si possono usare in mille modi e in vari ambiti e io voglio fare la mia parte». Nel cassetto, il sogno di un concorso in magistratura. Intanto si gode la laurea e l'affetto della piccola Sara. 
 

Ultimo aggiornamento: 17:56 © RIPRODUZIONE RISERVATA