Sanremo, rivolta in carcere: detenuti ubriachi lanciano mobili, 2 agenti feriti

Domenica 14 Ottobre 2018
4
Sanremo, rivolta nel carcere: detenuti lanciano mobili e bombolette di gas
L'ombra lunga del crollo di Ponte Morandi arriva a toccare persino il sovraffollamento nelle carceri. Anche per il crollo del viadotto il carcere di Sanremo è affollato: perché i detenuti che sarebbero destinati alla casa circondariale di Marassi, a Genova, ormai li portano tutti lì, in strada Armea 144 dove ormai le celle straripano e dove l'abitudine di bere alcol ottenuto illegalmente dalla fermentazione della frutta non aiuta.
  È stato proprio l'alcol a imbibire la miccia della protesta che ieri notte, poco dopo le 21 di sabato, ha visto i 16 detenuti ospiti di tre celle - gli stessi che nei giorni scorsi si erano rifiutati di rientrare in cella -, tutti completamente ubriachi, cominciare a buttare nel cortile interno mobili e stoviglie. Poi l'incendio delle lenzuola e infine i fornelletti a gas accesi. A quel punto - nella struttura c'erano 270 detenuti con 10 agenti della Penitenziaria a sorvegliarli - altri detenuti si sono associati alla protesta: vuoi per rivendicare un po' di spazio, vuoi per solidarietà ma anche per il fumo che saliva verso le loro celle e il numero dei ribelli si è portato a oltre 40.

Il denso fumo nero sprigionato da coperte e lenzuola incendiati ha ammorbato l'aria dentro la casa circondariale e due poliziotti sono rimasti intossicati. Se alla protesta si fossero associati gli altri 230 detenuti non ci sarebbe stato scampo. Ci sono volute ore di trattativa e tutta la pazienza e l'abilità della Penitenziaria per riportare, all'alba, un pò di calma. Il Dap ha poi disposto il trasferimento per 13 detenuti che si sono resi protagonisti della protesta: saranno destinati in istituti penitenziari di altre regioni e per alcuni di loro scatterà il regime di sorveglianza particolare. Ma il problema del sovraffollamento delle carceri, e in particolar modo quello che colpisce la piccola casa circondariale di Sanremo resta: troppi detenuti stipati dentro un'unica cella, pochi agenti di polizia penitenziaria a sorvegliare che tutto vada sempre per il verso giusto.

In giornata sono arrivati i documenti dei sindacati della Penitenziaria che chiedono a gran voce un intervento del ministro della Giustizia Bonafede e soprattutto un cambio nella direzione del Valle Armea. Perché, fino a quando il ponte non sarà ricostruito e con lui una viabilità corretta e scorrevole, nella casa circondariale di Sanremo continueranno a arrivare i detenuti destinati al carcere di Marassi. E il sovraffollamento, con tutti i problemi che questo comporta, sarà inevitabile.​
Ultimo aggiornamento: 18:49 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Tremolina malata e contesa: scatta la gara di solidarietà

di Marco Pasqua

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma