Neo sospetto sulla gamba, Andrea Possamai muore a 52 anni in due mesi: dramma a Conegliano

Andrea seguiva le diverse attività di famiglia, ma la sua grande passione era la collezione di auto d'epoca

Andrea Possamai
di Giampiero Maset
3 Minuti di Lettura
Venerdì 25 Febbraio 2022, 11:53

Grave lutto in città. Si è spento del tutto inaspettatamente per un male crudele che se lo è portato via in poco tempo, lasciando sconcertate e incredule le tante persone che gli volevano bene, all'età di appena 52 anni, Andrea Possamai, appartenente ad una delle famiglie di imprenditori più note di Conegliano, che ha dato un contributo importante con operosità e intuizioni geniali al suo sviluppo negli anni del boom economico. È stato per tutti un fulmine a ciel sereno.

Danilo Parabella, agente di polizia penitenziaria, stroncato da una malattia a 48 anni: era padre di tre figlie

LA MALATTIA
L'imprenditore aveva scoperto due mesi fa di avere un neo alla gamba a cui non aveva dato molto peso e, dopo averlo segnalato ai genitori, si era fatto visitare. È stato sottoposto ad un intervento chirurgico per asportarlo, ma purtroppo si trattava di un tumore maligno che aveva già provocato una metastasi, contro cui non c'era più nulla da fare. Andrea era figlio di Vittorio Possamai che nel 1960 col fratello Mario, mancato nel 2013, partendo dal nulla aveva fondato l'Alpina lungo la circonvallazione, iniziando con la produzione di falciatrici a scoppio per l'agricoltura e quindi di motoseghe e macchine da giardinaggio, ottenendo un rapido successo grazie alle loro prestazioni superiori, alla facilità d'uso e all'affidabilità.

L'AZIENDA
L'azienda era arrivata ad occupare più di 200 dipendenti ed il papà Vittorio era il presidente del consiglio di amministrazione. Una grossa realtà consolidata grazie allo spirito imprenditoriale della famiglia. Prevedendo infatti con lungimiranza un futuro sempre più globale, nel 2000 Alpina si è fusa con Stiga e altri marchi in Global Garden Products, mantenendo il proprio marchio con una forte identità, conosciuto e apprezzato in tutto il mondo. Ma i Possamai hanno continuato ad essere impegnati in altre attività di famiglia, soprattutto nel settore immobiliare, con importanti interventi e qualificati interventi edilizi.

Piero Maronese, malore improvviso: il medico di base muore durante la visita. Aveva 64 anni

LA PASSIONE
Andrea seguiva le diverse attività di famiglia, ma la sua grande passione era la collezione di auto d'epoca, soprattutto di quelle americane che si vedono nei vecchi film degli anni cinquanta. Ne possedeva una trentina e lui stesso, da meccanico, si occupava del loro restauro, essendo stato da ragazzo studente all'Ipsia Pittoni. Tra le altre una splendida Chevrolet Bel Air del 1957, facendo provare ai suoi amici l'ebbrezza di guidarle.

IL LUTTO
Andrea Possamai lascia l'anziano padre Vittorio e la mamma Maria, con cui viveva nella villa di famiglia in Benedetto Croce sulla collina del castello, le sorelle Sonia e Silvia e gli altri parenti. La cerimonia funebre sarà officiata oggi, 25 febbraio, alle 15 in Duomo. Sarà sepolto nel cimitero di Collalbrigo di cui la famiglia è originaria.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA