MALTEMPO

Neve sulle Dolomiti e frane in Calabria, ma dal 4 aprile arrivano sole e caldo

Martedì 31 Marzo 2020
1

L'ultima neve di primavera e poi dal 4 aprile sarà bel tempo e caldo. Nevicata nella notte sulle Dolomiti. Due metri di neve al suolo, 20 centimetri del quali si sono formati durante le precipitazioni della scorsa notte: sono il picco rilevato dal servizio meteorologico dell'Agenzia regionale per l'ambiente del Veneto sulle Dolomiti e registrato in località Ra Vales, nel comune di Cortina d'Ampezzo (Belluno), a 2.615 metri di quota. L'indicatore scende a 156 centimetri sul Monte Piana, a Misurina di Auronzo di Cadore (Belluno), all'altezza di 2.265 metri, e qui la neve fresca è stimata in 15 centimetri. Altri 15 centimetri consentono di arrivare ad un accumulo complessivo di 129 sui 1.900 metri del Passo della Mauria e di toccare i 130 a quota 2.000, sul valico del Falzarego. Due metri al suolo, per il 10% riferibile all'ultima perturbazione, infine, è la stima di Arpav sul Col dei Baldi, fra Zoldo ed Alleghe.

Maltempo: micro-irrigazioni salvano l'ortofrutta dalle gelate

Freddo, vento e temporali in tutta Italia, breve tregua nel weekend ma poi torna l'inverno

Non solo coronavirus, anche emergenza maltempo nel Pescarese

Le frane. Ondata di maltempo, nella notte, si è abbattuta sul territorio vibonese. Tre frane si sono verificate sui territori di Maierato, Francavilla Angitola e Pizzo. Una vera e propria tempesta di fango dalla collina si è riversata a valle e ha invaso anche lo stabilimento di Pippo Callipo, dove oltre mezzo metro di detriti hanno coperto auto e terreni. Situazione simile anche sulla statale 18 di Pizzo Calabro, all'altezza del ristorante Mocambo dove la strada si è trasformata in un torrente. Disagi su via Nazionale a Pizzo. Si contano ovunque, lungo questo versante della provincia, rami di alberi e tronchi spezzati lungo la strada. Problemi sono stati segnalati in Viale Affaccio a Vibo Valentia ed a Vibo Marina e Bivona per via di una serie di allagamenti.
 

 

L'anticiclone. Ma presto arriverà un anticiclone che porterà un'ondata di aria calda. Gli strascichi della fredda perturbazione discesa dal Nord Europa si faranno sentire fino ai primi giorni di aprile , con temperature spesso sotto media in particolare al mattino e durante la notte. Le condizioni meteo sono previste comunque via via in miglioramento, in particolare al Centro-Nord, mentre il Sud rimarrà in balìa di un tempo più instabile e fresco a causa di aria più umida in transito.  Dal 4 aprile la pressione aumenterà in maniera più decisa su tutto il bacino del Mediterraneo: un maxi anticiclone guadagnerà sempre più terreno verso l'Italia, regalandoci una fase decisamente soleggiata e più calda, con temperature che supereranno la soglia dei 20/22°C su diverse regioni d'Italia.

 

 

 

Ultimo aggiornamento: 11:03 © RIPRODUZIONE RISERVATA