INFLUENZA

Meningite, morto bimbo di 2 anni a Bologna: sembrava influenza, rimandato a casa

Lunedì 21 Gennaio 2019
Meningite, morto bimbo di 2 anni a Bologna: sembrava influenza, rimandato a casa

Un bimbo di due anni è morto all'ospedale Maggiore di Bologna per meningite da meningococco nella notte tra venerdì 18 e sabato 19 gennaio. Il caso di sepsi è stato segnalato al dipartimento di Sanità pubblica dell'Ausl di Bologna, che ne ha dato notizia: è scattata la profilassi nei confronti di 34 persone, operatori sanitari e nucleo familiare della piccola vittima. 

LEGGI ANCHE Meningite, l'ultimo saluto a Federico morto a 15 anni a Roma

Dall'indagine epidemiologica è emerso che il bimbo non frequentava l'asilo né altre comunità, al di fuori dei familiari stretti, italiani e residenti nel capoluogo emiliano. Pochi giorni fa un ragazzo di 15 anni è morto al Policlinico Umberto I per meningite, non risultava vaccinato.

«Gli accertamenti microbiologici hanno identificato la presenza di Neisseria mengitidis, ceppo del meningococco di tipo B, confermando la diagnosi clinica di shock settico che, quando provocato da tale batterio, ha esito infausto in elevata percentuale», spiega la stessa azienda sanitaria che ha fornito anche una ricostruzione cronologica dei fatti. Il bambino era stato portato al pronto soccorso pediatrico dell'Ospedale Maggiore la mattina di venerdì, alle 11.46, perché da qualche ora aveva la febbre.

Alla valutazione clinica il piccolo paziente, in buone condizioni generali, «presentava una infiammazione alle alte vie respiratorie e rispondeva alla terapia di paracetamolo, condizioni comuni in periodo di picco influenzale che non hanno richiesto ulteriori provvedimenti», spiega l'Ausl. Motivo per cui il bambino è stato dimesso alle 12.53, con la prescrizione di una terapia antipiretica e anti-infiammatoria. Ma in serata, alle 20.01, è stato nuovamente portato al pronto soccorso per un peggioramento clinico.

All'immediata valutazione dei medici, le condizioni sono apparse molto gravi, con «segni evidenti di shock settico in atto». Sono partite subito le terapie di supporto vitale, alle quali tuttavia il bambino non ha risposto. Ricoverato in Rianimazione, è deceduto nel corso della notte. Tra gli agenti batterici che causano la meningite, il Neisseria meningitidis (meningococco) è il più temuto oltre allo Streptococcus pneumoniae (pneumococco) e all'Haemophilus influenzae. Del meningococco esistono diversi sierogruppi: A, B, C, Y, W135, X: il più aggressivo è il meningococco di sierogruppo C, che insieme al B è il più frequente in Italia e in Europa.

Ultimo aggiornamento: 20:10 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

«Eeeee Macarena!»: la foto che mostra quanto è complicato vivere a Roma

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma