Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Marco Ferrazzano «spinto al suicidio dai bulli»: a processo cinque persone. Uno di loro ha patteggiato

Secondo gli inquirenti nel cellulare ci sarebbero alcuni video in cui Marco subiva atti di bullismo e che temeva potessero finire sul web

Marco Ferrazzano «spinto al suicidio dai bulli»: a processo cinque persone. Uno di loro ha patteggiato
3 Minuti di Lettura
Sabato 4 Giugno 2022, 10:07

La famiglia di Marco Ferrazzano aspetta di avere giustizia per la sua morte. Il 22 gennaio 2021 il suo corpo venne ritrovato ui binari lungo la tratta Bari-Foggia. Secondo le ipotesi investigative, Marco si sarebbe lanciato sotto un treno in corsa perché vittima di bullismo e cyberbullismo. Così, con le accuse, a vario titolo, di atti persecutori aggravati al cyber-bullismo, truffa e diffamazione, cinque persone di età compresa tra i 21 e i 24 anni sono state rinviate a giudizio nell'udienza preliminare del processo sulla morte. Il rinvio a giudizio è stato disposto ieri dal gup del Tribunale di Foggia, Giuseppe Ronzino. Dei sei imputati solo uno ha chiesto e ottenuto un patteggiamento a un anno di reclusione e 600 euro di multa.

Foggia, Marco morto investito da un treno. La famiglia: «Era vittima di bullismo», via alle indagini

Ferrazzano, chi sono gli imputati

Tra gli imputati ci sono anche Antonio Bernardo e Antonio Pio Tufo, arrestati a febbraio del 2021 perché coinvolti nella rapina al bar Gocce di Caffè a Foggia nel settembre del 2020, durante la quale il titolare, Francesco Paolo Traiano, venne gravemente ferito e morì dopo 23 giorni di agonia. Le indagini sui presunti atti di bullismo partirono dopo la denuncia del furto del cellulare che Marco subì il giorno prima di essere ritrovato morto sui binari.

Poche ore prima Marco andò a denunciare alla Polizia il furto raccontando di essere stato avvicinato da due ragazzi in scooter che, con la scusa di poter fare una telefonata, gli avevano sottratto il cellulare. Appena uscito dalla questura Marco avrebbe vagato per quattro chilometri fino a raggiungere i binari e poi si sarebbe suicidato. Secondo gli inquirenti nel cellulare ci sarebbero alcuni video in cui Marco subiva atti di bullismo e che temeva potessero finire sul web.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA