Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Lampedusa, record di sbarchi: in 1900 all'hotspot che ha 350 posti. Un immigrato è arrivato con il cane

Scambio di accuse fra Lega, Forza Italia e Pd

Lampedusa, record di sbarchi: in 1900 all'hotspot che ha 350 posti. Un immigrato è arrivato con il cane
3 Minuti di Lettura
Domenica 31 Luglio 2022, 02:58

Non si fermano gli sbarchi di migranti a Lampedusa: 23 dalla mezzanotte con 932 arrivi e l'hotspot di Contrada Imbriacola in sofferenza con oltre 1.900 ospiti a fronte di una capienza massima di 350. E la polemica politica si riaccende con il leader della Lega Matteo Salvini che parla di «record di arrivi rispetto a tutti gli ultimi anni».

«Non c'entrano i russi, cinesi, turchi, c'entra un nord Africa abbandonato a sé stesso e una politica italiana a guida Pd e Lamorgese assolutamente assente, se non complice», dice. Mentre per la capogruppo del Pd alla Camera, Debora Serracchiani, «la legge Bossi-Fini sull'immigrazione va profondamente cambiata, altrimenti continueremo ad essere un territorio su cui arrivano immigrati irregolari».

Di parere opposto la presidente dei senatori di Fi, Anna Maria Bernini, che chiede un «rafforzamento delle norme di contrasto all'immigrazione irregolare, perché spetta ai governi italiani, non certo agli scafisti o alle Ong, decidere quanti e quali migranti possono entrare dentro i nostri confini, e a questo servono i decreti flussi». Le polemiche sono alimentate dai numeri degli sbarchi. Durante la notte sulla maggiore delle isole delle Pelagie sono approdati, con 10 diversi barconi, complessivamente 580 profughi.

Tre gli sbarchi autonomi. 43 bengalesi, eritrei ed egiziani sono giunti direttamente al molo commerciale, altri 45 egiziani a molo Madonnina; altri 68 sono invece sbarcati in contrada Madonna nei pressi del santuario. A bloccare i primi due gruppi sono stati i militari della Guardia di finanza, i 68 sono stati intercettati e fermati dai carabinieri. Fra i gruppi soccorsi, su un barchino di 6 metri, assieme a 24 tunisini e un cane. Due i fronti aperti dai quali continuano a salpare, verso la Sicilia, le imbarcazioni cariche di profughi: quello tunisino e quello libico. I 10 natanti - con un minimo di 11 e un massimo di 117 passeggeri - giunti a partire da mezzanotte a Lampedusa, sono salpati da Mahdia, Sidimansour, Zazis in Tunisia e da Zouara, Zawia, Zuwara, Zebrata, Saborata, Zaira in Libia.

Secondo il racconto dei profughi, il viaggio verso le coste siciliane sarebbe costato da 15 mila a 20 mila dinari libici a testa. In giornata altri 161 migranti, su sette barchini, sono stati intercettati fra tre e un miglio dalla costa di Lampedusa. La motovedetta Rv2170 di Frontex ha bloccato un barchino di 5 metri con 16 tunisini, mentre quelle della Guardia di finanza hanno soccorso, al largo di Capo Ponente, 23 persone in fuga da Camerun, Guinea, Costa d'Avorio, Burkina Faso, Mali e Guinea e 9 tunisini. Altri undici sbarchi, nel pomeriggio con 306 persone approdate a Lampedusa.

Al collasso l'hotspot con oltre 1.900 ospiti a fronte di una capienza massima di 350. La struttura di contrada Imbriacola resta dunque in ginocchio, nonostante la notte scorsa in 351 siano stati imbarcati sulla nave Diciotti della Guardia costiera che sta viaggiando verso Porto Empedocle. La prefettura di Agrigento, d'intesa con il ministero dell'Interno, ha già disposto l'ulteriore imbarco di altre 350 persone sul traghetto Pietro Novelli che andrà a Mazara del Vallo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA