Mangiano a mensa e restano intossicati: paura per quattordici operai di Palermo. Tre sono gravi

Giovedì 1 Ottobre 2020

Stavano lavorando a un cantiere del raddoppio ferroviario, lungo la linea Palermo-Messina. Dieci operai, ieri, sono stati costretti al ricovero, presso l'ospedale Giglio di Cefalù, in provincia di Palermo, per una sospetta intossicazione da botulino dopo aver mangiato a mensa. Altri quattro sono arrivati nella struttura sanitaria questa mattima, portando il numero totale a quattordici. L'allarme è scattato quando hanno iniziato ad accusare forti dolori addominali, per i quali sono stati sottoposti alle relative analisi. Tre di loro sarebbero in condizionni gravi, per questa ragione si è reso necessario il trasferimento nel reparto di terapia intensiva dell'ospedale Cimino di Termini Imerese. 

Incendio in un appartamento: donna uccisa dal fumo. Domani avrebbe compiuto gli anni

Subito è scattato il protocollo, con i medici che hanno richiesto, tramite il centro antiveleni di Pavia, l'antidoto per l'avvelenamento che è stato scoperto in un ospedale di Catania. I prelievi effettuati sugli operai, inoltre, sono stati inoltrati all'Istituto Superiore di Sanità, per la ricerca della sostanza tossica e la conferma della diagnosi. 
 

Ultimo aggiornamento: 10:42 © RIPRODUZIONE RISERVATA