Ikea dice addio a Verona: «Troppi rinvii e ritardi». In fumo mille posti di lavoro

Lunedì 8 Aprile 2019
3
Ikea dice addio a Verona: «Troppi rinvii e ritardi». In fumo mille posti di lavoro

Ikea dice addio a Verona. Uno dei responsabili Sviluppo di Ikea Italia, Paolo Del Mastro Calvetti, ha comunicato ufficialmente oggi al Comune di voler abbandonare il progetto di insediarsi nella città scaligera. La prima ipotesi, condivisa con la precedente amministrazione comunale guidata dal sindaco Flavio Tosi, prevedeva un grande punto vendita e un centro commerciale. Successivamente, con l'amministrazione del sindaco Federico Sboarina al posto del centro commerciale si ipotizzava la costruzione di un grande palasport, a carico di Ikea.

Cibi pericolosi: da Ikea ai supermercati, ecco tutti i lotti dei prodotti ritirati dagli scaffali

Ikea, dipendenti sostituivano etichette per fare sconti ai familiari: 10 licenziati
 

La rinuncia del colosso svedese del mobile low cost sarebbe motivata dai ripetuti ritardi e rinvii nella definizione dell'area dove realizzare il «quartiere Ikea» e dei relativi adempimenti burocratici a amministrativi. Uno stop che mette la parola fine su un progetto che secondo la multinazionale svedese avrebbe creato mille posti di lavoro, oltre a generare un indotto stimato in 250 milioni di euro.

«Purtroppo, l'incertezza degli scorsi mesi rispetto alla possibilità di procedere con il progetto originario di negozio Ikea e centro commerciale - una soluzione che avrebbe garantito una sostenibilità finanziaria nel lungo termine - non ha creato le condizioni per poter procedere con la pianificazione di un investimento così importante». Lo afferma in una nota la multinazionale svedese, che ha informato oggi il Sindaco di Verona della decisione di non portare avanti il progetto per l'area della "Marangona". La decisione, prosegue Ikea, è stata presa «anche in ragione delle più generali valutazioni strategiche che Ikea sta svolgendo a livello internazionale».

TOSI: «È colpa di Sboarina». «È ufficiale: Ikea Verona non si farà. A dare l'annuncio è la stessa multinazionale svedese che parla di »ripetuti ritardi e rinvii nella definizione dell'area dove realizzare il progetto«. Così vanno in fumo mille posti di lavoro, così viene buttato un indotto stimato di circa 250 milioni di euro». Lo ha detto l'ex sindaco di Verona, Flavio Tosi, rilevando che con la rinuncia del colosso del mobile low cost «si dice addio anche agli svincoli e alle opere pubbliche quanto mai necessarie nell'area (la Marangona) dove sarebbe sorta Ikea Verona».

«La colpa di tutto ciò - ha aggiunto Tosi - è del sindaco Sboarina e della sua giunta, chiaro. La mia amministrazione ha speso tre anni di tempo per portare avanti questo importante progetto, poi arriva Sboarina, più che un sindaco una vera e propria catastrofe per i veronesi, che manda a monte tutto tra inutili tentennamenti e continui cambi di opinione». «Ben fatto sindaco, i veronesi ringraziano. Quando Sboarina si dimetterà per manifesta incapacità e latitanza, sarà sempre troppo tardi» ha concluso Tosi.

Ultimo aggiornamento: 17:40 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Iscrizione a scuola, la regola aurea per decidere senza discutere

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma