Davide Bristot morto a 18 anni dopo la visita in pronto soccorso a Belluno. La Procura: «Prestazione del medico priva di diagnosi»

Il ragazzo è entrato in ospedale che non si reggeva in piedi ed è stato dimesso che barcollava, tanto da aver bisogno di qualcuno che lo aiutasse a camminare. Si poteva fare di più?

Davide morto a 18 anni dopo la visita in Pronto soccorso. La Procura: «Prestazione del medico priva di diagnosi»
4 Minuti di Lettura
Mercoledì 30 Novembre 2022, 08:14 - Ultimo aggiornamento: 08:42

SEDICO - Potrebbe sciogliere la riserva già oggi, il giudice, riguardo al delicato caso di Davide Bristot. L’attesa è alta e il timore dei genitori del 18enne di Sedico morto a casa sua la notte tra il 13 e il 14 luglio 2021 dopo essere stato visitato dal Pronto Soccorso di Belluno, è che la vicenda possa essere archiviata una volta per tutte. Il pubblico ministero ci ha già provato due volte. Ma il legale della famiglia si è opposto riuscendo a far riaprire l’inchiesta e ieri mattina, in tribunale a Belluno, il caso è stato discusso di nuovo. Presenti il medico del Pronto soccorso di Belluno, Angelo Beccari, unico indagato per la morte del ragazzo, e i familiari della vittima, Paolo Bristot e Barbara Vanz. Il giudice, ascoltate le parti, si è preso del tempo. Potrebbe esprimersi già oggi, avendo già studiato le carte del fascicolo, ma di sicuro non si dovrà aspettare molto per conoscere la sua decisione. 

Davide Bistrot, forte mal di testa e vomito: muore a 18 anni dopo la visita al pronto soccorso. I genitori: «Diteci la verità»

GLI SCENARI

Gli scenari che si prospettano sono tre: il gup potrebbe archiviare il caso, riaprirlo e predisporre nuove indagini, oppure formulare lui stesso un’imputazione. Leggendo le conclusioni della perizia medico-legale disposta dalla Procura sembra quasi impossibile che un caso del genere possa essere archiviato: «La prestazione del medico che l’ha visitato in Pronto Soccorso risulta di fatto priva di una diagnosi, ed ancor prima, dell’attestazione di un corretto, scrupoloso e completo iter metodologico per addivenire alla diagnosi». Eppure, in casi di malasanità, tutto è appeso a un filo. In una lettera di qualche mese fa i genitori di Davide avevano espresso il loro dolore riguardo a quanto accaduto: «Vogliamo e pretendiamo di sapere la verità, perché non è giusto morire in questo modo». Qui, però, non c’è solo il dolore di una famiglia. C’è una condotta, quella del medico del Pronto Soccorso, che la pubblica accusa ha definito di «colpa grave per imprudenza e negligenza». 

 

IL PASSAGGIO

È uno dei passaggi fondamentali della perizia redatta dal medico legale Antonello Cirnelli. In un altro punto si legge che è «cognizione elementare per qualsiasi esercente la professione sanitaria il fatto che un’alterazione dei parametri idroelettrolitici può causare il decesso per aritmia improvvisa». Il campione di sangue, prelevato al ragazzo quel giorno dall’infermiera del Pronto soccorso, non è mai stato esaminato. «Ci è stato detto – avevano raccontato i genitori di Davide – che l’esame del sangue avrebbe consentito la semplice verifica dei valori mancanti (sodio, potassio, magnesio). Davide era un ragazzo giovane, sano, in forma. Una visita più accurata e, appunto, un semplice esame del sangue avrebbero potuto agevolmente suggerire la corretta diagnosi, anche in relazione agli altri evidenti sintomi che provava, come il mal di testa e il vomito. A quel punto, una semplice somministrazione delle sostanze carenti gli avrebbe potuto salvare la vita». 

LA VICENDA

Il ragazzo è entrato in ospedale che non si reggeva in piedi ed è stato dimesso che barcollava, tanto da aver bisogno di qualcuno che lo aiutasse a camminare. Si poteva fare di più? Secondo la perizia sì: «Il medico non ha identificato il problema ed i rischi ad esso connesso; nel contempo, nulla ha operato, in modo completo e risolutivo, perché ciò avvenisse. Il medico ha omesso di verificare la condizione ematochimica del ragazzo demandando poi ad altri l’esecuzione di ulteriori controlli (visita neurologica) senza avanzare, dal canto suo, la benché minima diagnostica». All’apparenza, insomma, sembra tutto chiaro. Ma l’ultima parola spetta al giudice. Di certo, come avevano sottolineato i genitori del ragazzo «resta la sola certezza che, da quella sera, il sorriso di Davide non lo abbiamo visto più...».

© RIPRODUZIONE RISERVATA