Riceve il cuore di un ragazzo morto a 20 anni, sui social trova la sorella del donatore: la storia di Anna e Shana

Anna ha le lacrime agli occhi ma il sorriso sulle labbra, quando pronuncia queste parole guardando Shana, seduta accanto a lei, che sulla spalla ha tatuato un cuore con sopra scritto "Davide"

«Nel mio petto batte il cuore di Davide», la storia di Anna che ha trovato sui social la sorella del suo donatore
4 Minuti di Lettura
Sabato 1 Ottobre 2022, 19:13 - Ultimo aggiornamento: 19:14

«Nel mio petto batte il cuore di suo fratello». Anna ha le lacrime agli occhi ma il sorriso sulle labbra, quando pronuncia queste parole guardando Shana, seduta accanto a lei, che sulla spalla ha tatuato un cuore con sopra scritto Davide. «Davide aveva 20 anni quando, il 19 marzo del 2013, morì in un incidente stradale. I miei genitori erano sconvolti, io ero incinta e mi sono trovata a cercare di tenere in piedi me e loro. Quando ci chiesero se acconsentivamo alla donazione degli organi, ho pensato che non potevamo tirarci indietro, e che forse quello era l'unico modo per sopravvivere al dolore», spiega Shana. A ricevere il cuore fu una ragazza di 17 anni, Anna, poco più giovane di Davide ma, diversamente da lui, con un passato già molto complicato dalla malattia.

L'uomo è «cerebralmente morto, donate gli organi»: ma lui muove i piedi poco prima del trapianto. L'ospedale ferma tutto

Anna e Shana, unite da un cuore che batte 

«Ho avuto una diagnosi di sarcoma dell'osso a 9 anni - racconta Anna - e ho passato la vita più in ospedale che fuori. La tanta chemioterapia fatta causò uno scompenso cardiaco che peggiorò improvvisamente, portando i medici dell'Ospedale Bambino Gesù di Roma di fronte all'urgenza di un trapianto. Mi misero ufficialmente in lista d'attesa il 19 marzo. Ma, lo stesso giorno, ci dissero che avevo una chance. Per anni il mio pensiero è stato quello di far sapere a questa famiglia che ero viva, e provare a dire loro 'graziè. Ma avevo anche timore e vergogna di farlo».

La legge non la aiutava, visto che ad oggi vieta la possibilità di incontro tra riceventi e familiari dei donatori di organo. Gli anni intanto passano e Anna si mette a fare ricerche online e le incrocia con le poche informazioni tratte da qualche articolo di giornale, fino ad arrivare al sito web della «Tenuta di Davide», la fattoria didattica che la famiglia del giovane ha creato a Fondi, in sua memoria.

«Speravo - afferma Shana - che prima o poi la persona che aveva ricevuto il cuore di Davide si facesse viva. Ho anche provato a cercarla tramite Facebook, con un post ricondiviso 65.000 volte. Ma senza risposta. Avevo perso le speranze quando, il 19 marzo 2022, nell'anniversario della morte di mio fratello, ricevo una chiamata. Non si può descrivere l'emozione. Ritrovarla è stato come ritrovare una parte di me». All'idea di incontrare la famiglia di Davide, la difficoltà, racconta Anna, «era soprattutto quella di trovare un equilibrio nei sentimenti: «da parte mia la gioia di avere avuto una nuova possibilità di vita. Da parte loro quel trapianto era il simbolo del dolore di aver perso un fratello o un figlio. Ora la vita ci ha fatto incontrare perché eravamo pronte».

Conoscersi, a distanza di 9 anni, ha ridato alle due ragazze un nuovo motivo di vita: diffondere il messaggio dell'importanza di donare gli organi. Come ha fatto per 28 anni Reginald Green, con la Fondazione creata per suo figlio Nicholas, colpito da una pallottola mentre era in vacanza in Italia e morto l'1 ottobre 1994. »Adesso mi sento pronta a parlare di tutto questo in pubblico, perché ho capito - conclude Shana - che l'unico modo per gestire il dolore della perdita è raccontare il valore del Dono«. Di cui si celebra il 4 ottobre la Giornata. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA