Covid, Pesaro: «Questa sera riapriamo», la protesta dei ristoratori contro il Dpcm

Covid, Pesaro: «Questa sera riapriamo». La protesta dei ristoratori contro il Dpcm
3 Minuti di Lettura
Venerdì 15 Gennaio 2021, 19:36 - Ultimo aggiornamento: 10 Marzo, 13:44

Alcuni ristoratori non ci stanno, e annunciano che questa sera apriranno i regolarmente i battenti, nonostante le misure di contenimento per il Covid. È la protesta che sta coinvolgendo alcuni gestori di Pesaro, che hanno lanciato l'hashtag #ioapro e che si preparano per la loro prima dimostrazione: infatti, si tratta più un flash mob, che di una vera disobbedienza. Alcuni comunque hanno annunciato l'intenzione di accendere le luci dei locali e di sollevare le serrande, ma senza accogliere, né tantomeno servire i clienti. Le forze dell'ordine fanno sapere che ci saranno comunque i controlli, che prevedono chiusure e multe per i ristoratori "ribelli" che somministreranno cibi e bevande. Secondo Confesercenti Pesaro Urbino, che si è dichiarata contraria ad azioni «illegali», comunque l'adesione dei ristoratori sarebbe limitata.

Pesaro, la protesta dei ristoratori contro il Dpcm: «Apriamo lo stesso»

La "riapertura"

«Finalmente si ricomincia, sono 4 mesi che non lavoriamo. Da stasera si ritorna nei nostri ristoranti, nei nostri bar, dentro le nostre attività. Lottiamo per questo», a dichiararlo è Umberto Carriera, il ristoratore di Pesaro che ha lanciato l'iniziativa #ioapro, decidendo di riaprire «La Grande Bellezza», ristorante arroccato nel borgo di Mombaroccio, ormai diventato parte del Comune di Pesaro. Poi Carriera ha aggiunto: «Non stiamo violando la legge ma stiamo obbedendo alla Costituzione. Il nostro Paese è fondato sul lavoro, sulla libertà di impresa, sul rispetto per le persone e per gli altri. Rispetto che da parte del Governo c'è poco», sottolinea.

Zona rossa arancione e gialla, da sabato 16 gennaio nuova mappa dei colori: l'elenco completo di Regioni e misure

Una protesta, quella del ristoratore, che arriva dopo mesi di esasperazione: «È arrivata la seconda ondata, arriverà la terza, i ristoranti e le attività sono al collasso, i cittadini non ne possono più e il Governo è stato incapace di ogni programmazione». Poi Carriera ha parlato di distanziamento e misure anti coronavirus in relazione alle prenotazioni che ha ricevuto: «Per questa sera siamo al completo, abbiamo ridotto i posti da 60 a 40, distanziando i tavoli di 2 metri. Indosseremo tutti le mascherine e c'è gel sanificante ovunque, rispetteremo tutte le regole, compreso il coprifuoco». E quando gli si prospetta la possibilità di ricevere una multa per violazione delle norme anti coronavirus, dichiara: «faremo ricorso».

© RIPRODUZIONE RISERVATA