CORONAVIRUS

Coronavirus, un milione di euro grazie ai lettori dei giornali della Caltagirone Editore

Sabato 4 Aprile 2020 di Simone Canettieri

Un milione di euro. E' il primo, grande traguardo raggiunto dalle donazioni dei lettori delle testate della Caltagirone Editore. Da Nord a Sud passando, ovviamente per la Capitale, le diverse campagne di sottoscrizione dei giornali stanno coinvolgendo, con obiettivi mirati e concreti, le strutture sanitarie in trincea contro il virus. Una gara di solidarietà senza sosta che ha coinvolto tutta Italia, con donazioni anche dall'estero.

Coronavirus, il direttore del Columbus: «Il vostro aiuto per Gemelli e Spallanzani»
 


Grazie alla generosità dei lettori sono già stati acquistati sistemi di ventilazione polmonare, ecografi e posti letto di terapia intensiva destinati alle strutture ospedaliere a cui è destinata la sottoscrizione. Il Messaggero per il policlinico Gemelli e l'istituto Spallanzani; il Mattino per l'ospedale Cotugno di Napoli, il Gazzettino per l'Azienda Ospedaliera Università di Padova, il Nuovo Quotidiano di Puglia per il Presidio Ospedaliero Vito Fazzi di Lecce e il Corriere Adriatico per gli Ospedali Riuniti di Ancona.
Una schema vincente che sta consentendo alle strutture di eccellenza, che tutti giorni difendono le vite di uomini e donne dalla morsa del coronavirus, di continuare a lavorare con un aiuto e soprattutto un supporto in più.
E così il gioco di squadra messo in campo dai quotidiani della Caltagirone Editore si fonde con il sostegno di chi si informa tutti i giorni in edicola e sui siti online delle testate. Ma la campagna non si ferma, anzi procede ancora più spedita perché il nemico invisibile che ha sconvolto le nostre esistenze non è stato ancora battuto. Ecco perché il Messaggero - così come le altre quattro testate - va avanti per aiutare gli ospedali in prima linea.
Le voci dei primari e dei dirigenti dello Spallanzani e del Gemelli, raccolti in queste settimane, testimoniano l'importanza delle donazioni. D'altronde più macchinari per la respirazione e posti letto sono fondamentali per evitare che i medici si trovino davanti alla drammatica scelta di chi salvare. L'obiettivo è semplice: «Non dobbiamo farci trovare impreparati», continuano a ribadire dal policlinico e dall'Istituto per le malattie infettive. La sottoscrizione di questo quotidiano è anche accompagnata dalla spinta dei principali protagonisti della cultura, dello sport e dello spettacolo italiano che hanno scelto di fare da testimonial in questa grande sfida per la salute di tutti. Ma i veri protagonisti sono i lettori. A cui va un milione di volte grazie.

Ultimo aggiornamento: 6 Aprile, 08:12 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani