Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Corinavirus, a Ponza la corona di spine del crocifisso fiorisce, il parroco: «Un segnale di speranza»

A Ponza la corona di spine del crocifisso fiorisce, il parroco: «Un segnale di speranza»
di Ilaria Del Prete
2 Minuti di Lettura
Venerdì 3 Aprile 2020, 13:40 - Ultimo aggiornamento: 22:13

Foglioline e fiori freschi cresciuti sui rami secchi che compongono la corona di spine appoggiata ai piedi del crocifisso. È quanto accade da alcuni mesi nella chiesa Parrocchiale dei Santi Silverio e Domitilla, che si affaccia sul porto di Ponza.



La corona fu intrecciata dai marittimi dell'isola e posta per devozione ai piedi del Cristo. Grande è stata la sorpresa di parrocchiani e fedeli quando, nel periodo di Natale dello scorso anno, alcune piccole foglie hanno cominciato a spuntare dai rami secchi. Un fenomeno che si è ripetuto negli ultimi giorni e stavolta anche con una fioritura di gemme rosse, proprio in corrispondenza dei piedi di Gesù, lì dove c'è il chiodo che lo lega alla croce. 

Il vescovo di Latina: rinviate in autunno comunioni e cresime



Il parroco della chiesa del porto di Ponza ha condiviso su Facebook le foto del lieto evento e ha commentato: «Questo mi fa oggi pensare, che dalla sofferenza il Signore fa scaturire la salute, la pace, la vita, la gioia. Sono già 4 mesi che continua a regalarci delle foglie e dei fiorellini rossi. Che questo sia un segno di speranza per noi e per tutta l'umanità».



Dello stesso parere anche i fedeli, come Erika, che ha spiegato: «Per chi è credente, questo è un segno che le nostre preghiere in questi giorni di dura prova vengono in qualche modo ascoltate. È un buon segnale».


 

© RIPRODUZIONE RISERVATA