Ciro Grillo e i tre amici accusati di violenza sessuale scelgono rito ordinario: rischiano fino a 12 anni

Ciro Grillo e i tre amici accusati di violenza sessuale scelgono rito ordinario: rischiano fino a 12 anni
2 Minuti di Lettura
Giovedì 21 Ottobre 2021, 15:03 - Ultimo aggiornamento: 15:20

Ciro Grillo e i suoi tre amici accusati di violenza sessuale di gruppo nei confronti di una studentessa italo-norvegese il 17 luglio 2018 nella casa di Beppe Grillo sceglieranno il rito ordinario in caso di rinvio a giudizio. La decisione verrà comunicata nelle prossime ore al giudice dell'udienza preliminare di Tempio Pausania. Lo apprende l'Ansa da fonti vicine ai ragazzi. Rischiano pene fino a 12 anni.

Ciro Grillo, trasferita la pm dell'inchiesta. Il procuratore: «Troppe pressioni, è allarme»

Ciro Grillo, la scelta del rito ordinario

I legali dei quattro (Enrico Grillo, Romano Raimondo, Gennaro Velle, Ernesto Monteverde, Alessandro Vaccaro e Mariano Mameli) hanno preso la decisione dopo diverse riunioni visto che in due avrebbero preferito il rito abbreviato.

La vicenda e l'indagine

I fatti risalgono a due anni fa, in Costa Smeralda quando, secondo il racconto di una delle due ragazze, dopo una serata in un locale di Porto Cervo, a casa del figlio di Beppe Grillo, dove fu invitata, sarebbe stata violentata. Lo stupro avrebbe riguardato solo lei, mentre all'amica, come emergerebbe da alcune fotografie e da un video, i quattro avrebbero appoggiato i genitali sul viso, mentre la ragazza dormiva. I pm, dopo avere chiuso l'indagine una prima volta, nel novembre 2020, un anno e mezzo dopo la denuncia, hanno poi riaperto l'inchiesta e chiusa dopo poche settimane con la richiesta di rinvio a giudizio per violenza sessuale di gruppo. Accuse sempre respinte dagli imputati che parlano di «sesso consenziente».

Ciro Grillo, inizia il processo. L'avvocato Bongiorno: «Nessuno può immaginare il dolore della ragazza»

Ciro Grillo e gli altri indagati: «Con Silvia eravamo noi in imbarazzo. Le foto? Uno scherzo»

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA