Alzheimer, il miglior alleato è l'olio extravergine d’oliva

Mercoledì 8 Maggio 2019

Che l'olio d'oliva, e in generale la dieta mediterranea, faccia bene alla nostra salute è un fatto noto. Che sia un alleato nella lotta contro l’Alzheimer no. A evidenziare questa caratteristica è lo studio della dottoressa Manuela Leri, ricercatrice di Airalzh Onlus, Associazione Italiana Ricerca Alzheimer, presso il Dipartimento di Scienze Biomediche Sperimentali e Cliniche “Mario Serio” dell’Università degli Studi di Firenze.

Negli ultimi anni, gli studi molecolari sul morbo di Alzheimer si sono concentrati su numerosi aspetti, tra cui la ricerca di nuove molecole capaci di prevenire la formazione di aggregati amiloidi tossici, oligomeri e fibrille, considerando che al momento non sono presenti terapie contro l’insorgenza di tale patologia. Lo studio della dottoressa Manuela Leri  si è focalizzato prevalentemente sulla ricerca delle basi molecolari dei principali composti fenolici dell’olio extravergine di oliva: il 3,4-diidrossifeniletanolo e l’oleuropeina aglicone. Entrambi risultano strumenti utili per combattere alcune delle alterazioni cellulari e tissutali che caratterizzano la malattia.

LEGGI ANCHE: Daniel ha l'Alzheimer a 30 anni, il dolore della moglie: «Lo sto perdendo e anche i miei figli potrebbero ammalarsi»

LEGGI ANCHE: Alzheimer, scoperta forma di demenza che «imita» la malattia: in molti casi cure errate

I risultati, raggiunti dopo circa due anni di esperimenti, dovranno essere ulteriormente approfonditi ma evidenziano già il grande potenziale di questi polifenoli e offrono la possibilità di convalidare e ottimizzare il loro uso per la possibile prevenzione e terapia della patologia di Alzheimer.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Vacanze studio all’estero: «Ciaone» e zero contatti

di Raffaella Troili

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma