​Prete bresciano disegna Gesù come un partigiano, la vignetta divide la Rete

Giovedì 25 Aprile 2019
​Prete bresciano disegna Gesù come un partigiano, la vignetta divide la Rete

Gesù canta "Bella Ciao" e la rete si divide. «Quando il 25 aprile è nella Settimana di Pasqua...»: così don Giovanni Berti, sacerdote e disegnatore, autore di vignette sul Vangelo e sul mondo della Chiesa, oggi ha titolato il suo post del giorno su Facebook. È una vignetta in cui il Cristo Risorto appare a Maria Maddalena dicendo: «...questa mattina mi son svegliato, oh bella ciao, ciao, ciao...».


«Pasqua di resurrezione e di liberazione - commenta il sacerdote - dalla morte e da tutte le sue manifestazioni: guerra, odio, persecuzione, divisione, razzismo, distruzione...il 25 aprile celebra per la nostra nazione italiana la libertà ritrovata e l'inizio di un cammino mai terminato di liberazione... come mai concluso è il cammino di liberazione dell'umanità iniziato la mattina della resurrezione di Cristo...».

La rete si divide: molti i commenti postivi al post ma alcuni contestano invece la scelta. «Grande Gioba - si legge in un commento che richiama il nome d'arte del sacerdote-disegnatore - di grande estro sempre». «Il cristianesimo che mi piace, grande!!», si legge in un altro post. Ma qualcuno non gradisce l'accostamento tra la Pasqua e il 25 aprile: «Fare meno politica ironica ed essere più Cristiani sarebbe l'ideale. Il bella ciao lo dovresti cantare al demonio», è una delle critiche. Un altro invece associa al suo commento la storia di Rolando Rivi, un seminarista cattolico ucciso nel 1945 dai partigiani, e proclamato beato dalla Chiesa.

Don Giovanni Berti, che ha di recente pubblicato insieme a Lorenzo Galliani il libro 'Nella vignetta del Signore', veneto di nascita e ora parroco a Moniga del Garda, nel bresciano, presentandosi sul suo sito web spiega: «Anche le pagine del Vangelo sono fonte di ispirazione, non per banalizzare il messaggio che contengono, ma al contrario per cogliere la potenza di gioia che è nascosta nella storia di Gesù».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

I lucchetti di Ponte Milvio si aprono con le chiavi di Villa Pamphili

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma