Influenza, ancora colpiti bambini e anziani, ma è atteso il calo

Domenica 10 Febbraio 2019
1
 «Probabilmente abbiamo raggiunto il picco: questo vuol dire che nella prossima settimana, o al massimo in quella successiva, dovremmo registrare una flessione dei casi di influenza». A dirlo è Gianni Rezza, direttore del Dipartimento di malattie infettive dell'Istituto superiore di Sanità. Nella settimana dal 28 gennaio al 3 febbraio si sono ammalati circa 832.000 italiani, per un totale, dall'inizio della sorveglianza, di circa 4.478.000 casi.

«Ebbene, si tratta di un dato analogo a quello della scorsa stagione, anche se in questo caso è iniziato tutto più tardi, e anche il picco è arrivato dopo rispetto all'anno scorso. Nel nostro Paese - precisa Rezza - hanno circolato molto i virus di tipo A, H1N1 e H3, mentre sono stati inferiori i casi da virus B, che invece aveva stupito l'anno scorso». I casi gravi, poi, spiega l'esperto, «sono collegati quasi tutti al virus H1N1, quello pandemico, che non era poi così 'innocuò come si era detto. Come ogni anno, poi, i bambini sono stati i più colpiti, ma continuano a registrarsi casi fra gli anziani, che però rispetto all'infanzia sono molto meno colpiti», anche complici le vaccinazioni.
Ultimo aggiornamento: 19:43 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Tutti in campo per Sara tre anni dopo la tragedia

di Mimmo Ferretti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma