Belgio, Simon scomparso all’età di 14 anni: ritrovato 20 anni dopo

Domenica 10 Febbraio 2019 di Alix Amer

Grosse novità su uno dei casi che ha tenuto con il fiato sospeso il Belgio una ventina di anni fà. Simon Lembi, dopo mesi di ricerche venne dichiarato morto nel novembre 1999 a Saint-Gilles. All’epoca della scomparsa aveva 14 anni. Il caso sconvolse l’intera comunità. In tanti parteciparono alle ricerche, ma il corpo non fu mai trovato. Poi il colpo di scena. «È stato trovato vivo», ha detto mercoledì il pubblico ministero di Bruxelles. Questo è uno dei più vecchi casi riguardanti un minore in Belgio. «Simon Lembi è stato trovato sano e salvo». Un vicino ha avvisato gli investigatori belgi. Ora 34enne, ha vissuto nei Paesi Bassi dove ha ricostruito la sua vita. Ascoltato dal tribunale, ha spiegato la sua scomparsa. Il mistero che lo ha avvolto per due decenni, è stato svelato. Si è trattato di una scomparsa volontaria legata al clima di tensione, all’epoca dei fatti, all’interno della famiglia. Non voleva essere trovato. Era scomparso dal Belgio, dove era appena arrivato con i suoi genitori dall’Angola. La sua famiglia, aiutata e supportata nell’immediatezza dei fatti dalla polizia e dalle autorità locali, è incredula.
 

 

Oggi vive «sotto un’altra identità all’estero, e non vuole rivelarlo», ha spiegato Denis Goeman, portavoce dell’ufficio del procuratore di Bruxelles. Ma riavvolgiamo il nastro della storia: il giorno della sua scomparsa, ha chiesto a sua madre il permesso di andare in un centro di accoglienza per guardare la televisione. Non mise mai piede negli alloggi popolari della città dove sua madre si era stabilita con lui e i suoi tre figli più piccoli. Erano da poco passate le 17 di quel venerdì 12 novembre 1999, quando si persero per sempre le tracce del ragazzino. L’allarme non venne dato immediatamente, la mamma iniziò a cercarlo da sola, erano arrivati da poco e non sapeva cosa fare. Nel 2015, intervistata, raccontò che suo figlio «era un ragazzo timido che non sapeva nulla e non conosceva nessuno a Bruxelles, parlava a malapena il francese, non aveva soldi, né bancomat». Dalla polizia erano state contemplate tutte le piste, compresa quella criminale. Nulla venne lasciato al caso. Oggi la sorpresa: Simon è vivo.

Ultimo aggiornamento: 16:07 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

L’automobilista che da solo mette ko tram e ambulanza

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma