Società "fantasma" ma vinceva appalti pubblici, scatta l'interdittiva della Prefettura: è vicina agli ambienti del clan dei Casalesi

La Prefettura di Frosinone
1 Minuto di Lettura

Un solo dipendente, senza recapiti, una casella postale appoggiata allo studio di un commercialista del Cassinate. Insomma una scatola vuota. Eppure l'impresa partecipava a gare pubbliche di elevato importo e talvolta le vinceva. In concreto era una società di comodo per coprire altre imprese, riconducibile all'ambiente del clan camorristico guidato da Michele Zagaria. Uno schermo alla illegalità. I proventi erano quindi destinati a questa famiglia di Casalesi. Per tale ragione, nei giorni scorsi, la Prefettura di Frosinone ha emesso un'altra interdittiva antimafia.

Lunedì 9 Novembre 2020, 14:35 - Ultimo aggiornamento: 18:42
© RIPRODUZIONE RISERVATA