Frosinone, giornalismo in lutto:
è morto il direttore Umberto Celani

Il diettore de "La Provincia" Umberto Celani
3 Minuti di Lettura
Martedì 12 Aprile 2016, 17:18

E' morto stamattina dopo le sei, Umberto Celani, 69 anni, direttore del quotidiano "La Provincia" e maestro di tanti giornalisti ciociari. E' stato l'inventore dei giornali locali in provincia: aveva fondato e diretto per anni anche l'altra testata locale "Ciociaria oggi". I funerali si terranno domani mattina  a Frosinone, alle 11,30, nella chiesa della Sacra Famiglia.


Tanti i messaggi di cordoglio per la sua scomparsa.

Il presidente della Provincia Antonio Pompeo: "“Un grande uomo e un grande professionista, capace di raccontare questo territorio con onestà e passione, evidenziandone sia i pregi che i difetti. Un giornalista autentico, di quelli che le notizie le cercano e non le inventano. Con la scomparsa di Umberto Celani la nostra provincia perde una delle sue menti più lucide e geniali. L’auspicio è che il suo esempio e il suo insegnamento venga raccolto e portato avanti da quanti si avvicinano a questa nobile professione con l’obiettivo che Umberto ha sempre perseguito: “informare” nel significato più autentico del termine”.
 

Maurizio Stirpe e Davide Papa, rispettivamente Presidente e Vicepresidente di Unindustria: “Una grande perdita per il mondo del giornalismo della provincia di Frosinone. Un uomo che ha fatto la storia della carta stampata e che si è sempre battuto per la verità”.

L'assessore regionale Mauro Buschini: «Il giornalismo della provincia di Frosinone, con la scomparsa di Umberto Celani, perde un maestro, un direttore brillante, un uomo che tanto ha dato per questo territorio. Ha fatto
informazione in maniera schietta, puntuale e corretta. Tutti abbiamo avuto modo di apprezzare la passione per il suo lavoro, il rigore professionale e la capacità di raccontare i fatti con equidistanza e onestà intellettuale unica.
Alla famiglia e alla redazione del quotidiano La Provincia vanno le più sincere condoglianze da parte mia, del presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti e di tutta la Giunta regionale».

Il  Cosilam: "Un uomo che ha creato il mondo dell’informazione in provincia di Frosinone. Un professionista che ha saputo informare i cittadini giorno dopo giorno raccontando i fatti della nostra terra. È con profondo dolore che abbiamo appreso questa mattina della scomparsa del direttore del quotidiano La Provincia Umberto Celani. Un vero maestro del giornalismo in Ciociaria.
In questo momento di profondo dolore il Presidente, il Consiglio di Amministrazione, il Direttore Generale e tutti i dipendenti del Cosilam si stringono in un forte e sincero abbraccio alla famiglia di Umberto Celani e a tutta la redazione de La Provincia Quotidiano cui porgiamo le nostre più sentite condoglianze".

Luigi Fiorletta, direttore Accademia di Belle Arti: ''La notizia della morte di Umberto Celani mi addolora profondamente, per l'amicizia che ci legava da molti decenni e per tutto quel che ha saputo dare nel corso di questi anni al territorio e all’Accademia di Belle Arti, alla cultura, nella creazione artistica sempre radicata nella realtà culturale di un territorio ricco di storia. Trovare delle parole come onestà, serietà e stile sembrerebbe come trovare degli inutili orpelli di circostanza, Umberto lascia un vuoto enorme nel giornalismo ciociaro. Un uomo di rara umanità e gentilezza, un signore che ha segnato il raccontare Frosinone e la sua Ciociaria in maniera semplice ed elegante.Ciao Umberto, resterai sempre nel cuore dell’Accademia di Belle Arti della Tua citta".

Il Circolo della Stampa: "Addolora la scomparsa dell’amico e collega Umberto Celani, giornalista dal pensiero sempre lucido e dai contenuti ben delineati. In
Ciociaria, Umberto ha fatto la storia del giornalismo, e quanti tra
noi hanno avuto la fortuna di lavorare e di formarsi al suo fianco,
lo hanno sempre apprezzato per la chiarezza delle sue idee e per
aver svolto la sua professione con l’instancabile passione che lo
contraddis!ngueva. Maestro di una generazione di giovani, oggi
grazie anche a lui diventati giornalisti, ha sempre saputo raccontare
i fatti descrivendoli e interpretandoli con acuta intelligenza".

© RIPRODUZIONE RISERVATA