Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Bollette, sarà crisi energetica? Condizionatori, auto, viaggi, lavoro: i consigli Ue per risparmiare (sino a 450 euro)

Venerdì 22 Aprile 2022, 20:09 - Ultimo aggiornamento: 23 Aprile, 10:37

 

1. Un grado di aria condizionata quanto incide sulla bolletta? 

La temperatura media di riscaldamento all'interno delle case dell'Unione Europea è superiore a 22 °C, ma molte potrebbero ospitare comodamente 19 °C o 20 °C. Abbassare il termostato di casa di appena 1 °C fa risparmiare circa il 7% dell'energia utilizzata per il riscaldamento. Per ogni grado in cui abbassi il riscaldamento in media, potresti tagliare più di 70 euro dalla bolletta energetica annuale. Se vivi in ​​un edificio con un sistema di riscaldamento centralizzato, puoi lavorare con i vicini e i gestori dell'edificio per esplorare la possibilità di abbassare la temperatura della caldaia comunale.

Impostare il tuo condizionatore d'aria a 1 °C più caldo potrebbe ridurre la quantità di elettricità utilizzata di quasi il 10% e farti risparmiare 20 euro all'anno. Puoi anche ridurre le temperature di riscaldamento e aria condizionata quando le stanze non sono in uso o regolare la temperatura in base al tipo di stanza (non è necessario avere la stessa temperatura in camera da letto e in bagno, ad esempio).

La regolazione del termostato non fa la differenza solo nelle case, ma in tutti i tipi di edifici: le aziende e le istituzioni pubbliche dovrebbero considerare l'applicazione di questa misura anche negli uffici.

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA