Terzo Valico dei Giovi, abbattuti gli ultimi diaframmi delle due gallerie

Giovedì 24 Settembre 2020
(Teleborsa) - Doppio breakthrough degli ultimi diaframmi della linea AV/AC Terzo Valico dei Giovi, che collega Genova a Milano. L'opera è stata realizzata dal Gruppo Webuild per potenziare i collegamenti del sistema portuale ligure con le principali linee ferroviarie del Nord Italia e con il resto d'Europa.

I lavori riguardano gli scavi delle due opere in sotterraneo più importanti della nuova linea: la Galleria di Valico, che sarà la galleria ferroviaria più lunga in Italia, e la Galleria di Serravalle. Il doppio abbattimento permette ora il collegamento diretto di tutti i cantieri operativi per una tratta di circa 17 km. Il primo breakthrough di oggi, con metodo di scavo in tradizionale, riguarda la Galleria di Valico ed è anche il primo di altri che coinvolgeranno questo tunnel lungo 27 km. Il secondo breakthrough riguarda invece il binario pari della Galleria di Serravalle, lunga in totale quasi 7 km.

Milestone significative che sono state celebrate oggi nel comune di Serravalle Scrivia (AL), alla presenza della Ministra delle Infrastrutture e dei Trasporti Paola De Micheli, del commissario straordinario del Progetto Unico Terzo Valico dei Giovi e Nodo di Genova, Calogero Mauceri, dell'Amministratore Delegato Webuild, Pietro Salini, dell'Amministratore Delegato e Direttore Centrale di Ferrovie dello Stato, Gianfranco Battisti, e dell'Amministratore Delegato e Direttore Generale di Rete Ferroviaria Italiana Maurizio Gentile.

"L'apertura di queste due gallerie è il simbolo della competenza straordinaria di tante persone, che ringrazio per l'enorme lavoro che hanno fatto", ha dichiarato Pietro Salini, sollecitando il Governo a far ripartire il lavoro e rilanciare le opere pubbliche.

Definendo l'opera la "metropolitana del Nord Ovest", la Ministra De Micheli ha sottolineato che il Terzo valico è un'opera "strategica" in grado di "ridurre distanze e tempi di percorrenza in un'area di grande rilevanza per tutto il Paese".

L'Ad di FS Italiane, Gianfranco Battisti, si legge su FSNews, ha voluto sottolineare l'importanza dell'opera in chiave si sostenibilità ambientale, grazie a un progressivo riequilibrio modale a favore della ferrovia. "Il Terzo Valico permetterà un riequilibrio modale in coerenza con gli obiettivi del Libro Bianco UE, sia del traffico merci che di quello passeggeri", ha affermato Battisti, aggiungendo che il Gruppo conta, a regime, di far "crescere la quota di mercato tra Genova e Milano dal 46 % di oggi al 64%, collegando le due città in poco più di un'ora, aumentando anche la frequenza dei treni ad Alta Velocità".

La ferrovia del Terzo Valico, lunga 53 km, una volta a regime assicurerà il collegamento tra Genova e Milano in 50 minuti (rispetto a 1h e 39 minuti attuali) e si inserisce nel corridoio Reno-Alpi, uno degli assi della rete strategica transeuropea di trasporto (TEN-T core network).

Il Gruppo Webuild, nell'ambito del contratto unico per un valore complessivo di circa 6,9 miliardi di euro, è al lavoro anche sul Nodo ferroviario di Genova: un progetto strategico che a luglio è stato annesso al progetto del Terzo Valico.

© RIPRODUZIONE RISERVATA