Statali, nel contratto retribuzione più alta e nuova area per i “super-quadri”

Statali, nuovo contratto: posizioni e retribuzioni più elevate per i funzionari apicali
di Andrea Bassi
4 Minuti di Lettura
Venerdì 26 Marzo 2021, 22:00 - Ultimo aggiornamento: 27 Marzo, 17:44

Il primo tassello della nuova stagione contrattuale dei dipendenti pubblici è pronto. Si tratta dell’atto di indirizzo firmato dal ministro della Pubblica amministrazione, Renato Brunetta, e inviato all’Aran, l’Agenzia che tratta per il governo il rinnovo con i sindacati. Il testo è sul tavolo del ministro dell’Economia Daniele Franco per la verifica degli stanziamenti, ma a giorni dovrebbe avere il via libera. Nell’atto di indirizzo è spuntata una novità rilevante: nel nuovo contratto sarà valutata, si legge, la creazione «di un’area delle alte professionalità». Un’area, spiega il testo, in cui «collocare il personale apicale incaricato dell’esercizio di funzioni organizzative e gestionali, in possesso del titolo di studio universitario, di elevate capacità professionali, tecniche e organizzative». Insomma, nella descrizione sembrerebbe quasi un’area di quadri simile a quella del privato, anche se fonti impegnate sul dossier precisano che l’area resterebbe all’interno del comparto. Finirebbero in questa nuova figura “professional”, per esempio, tutte le posizioni organizzative ad elevata responsabilità, come quelle dell’Agenzia delle entrate.

Statali, arriva lo sblocca-concorsi: assunzioni in 100 giorni

IL MECCANISMO

Rispetto a tale personale, spiega ancora la direttiva firmata da Brunetta, il contratto potrà prevedere una struttura retributiva coerente con le funzioni e le responsabilità affidate. Come dire, stipendi più alti adeguati al ruolo. La domanda è come verranno finanziate queste nuove posizioni con retribuzioni ritoccate verso l’alto. L’atto di indirizzo, infatti, conferma tutti gli stanziamenti a oggi disponibili per il rinnovo del contratto: in totale, tra Stato centrale, Regioni, amministrazioni locali, Sanità, ci sono disponibili 6,8 miliardi di euro. Una cifra che, secondo le stime della Ragioneria generale dello Stato, dovrebbe consentire un aumento medio del 4,07%, ossia 107 euro. Ma come spiega lo stesso atto di indirizzo, si tratta di una cifra lorda. Dai 107 euro vanno sottratti i soldi necessari a finanziare la stabilizzazione del cosiddetto «elemento perequativo». Si tratta di un bonus che oscilla tra i 20 e i 30 euro al mese garantito nell’ultimo contratto degli statali, per i redditi più bassi e solo per un triennio. Inoltre dai 107 euro va sottratta anche l’indennità di vacanza contrattuale che i dipendenti pubblici stanno già incassando a titolo di anticipo dei nuovi aumenti. Al netto di queste voci, secondo stime fatte dal sindacato Confsal-Unsa, l’aumento sarebbe sotto i 90 euro lordi mensili. Nel nuovo contratto, inoltre verrà dato un peso importante al welfare, con misure per il sostegno alla genitorialità e assicurazioni sanitarie. Nel testo c’è anche la regolamentazione dello smart working che, spiega l’atto di indirizzo, «non sarà un diritto soggettivo». Il lavoro agile, dunque, non sarà garantito a tutti i dipendenti pubblici, ma sarà una misura di carattere organizzativo che dovrà migliorare l’erogazione dei servizi. Il contratto poi, provvederà a regolare tutti gli aspetti dello smart working: dal diritto di disconnessione fino ai buoni pasto. Ieri intanto, Brunetta ha incontrato il Cts per iniziare a discutere lo sblocco dei concorsi congelati dalla pandemia. L’intenzione resta quella di inserire una norma nel prossimo decreto Covid. Fumata nera, invece, sul silenzio-assenso per il conferimento del Tfr degli statali ai fondi pensione. Se ne riparlerà dopo Pasqua.

Statali e tfr, per un milione e mezzo di impiegati della pubblica amministrazione scatta il silenzio - assenso per i fondi pensione

Statali, smart working solo al 30% e maggiori controlli sui furbetti

© RIPRODUZIONE RISERVATA